venerdì 19 Aprile, 2024
12.3 C
Napoli
spot_img

Articoli Recenti

spot_img

Ospedali, l’allarme del Cts: interventi adeguati o in 3 settimane rischiano il collasso

l’Italia comincia il nuovo anno all’insegna dell’attenzione, l’impennata di contagi di Covid-19 negli ospedali ha riportato i cittadini ad un periodo che sembrava superato. Nonostante ciò la situazione si è ripresentata, come in un film già visto, facciamo i conti con l’aumento dei casi.

Ormai il protocollo è chiaro: mascherine, guanti, disinfettante, questi gli strumenti che, oramai, abbiamo inglobato e che adoperiamo in maniera quasi automatica.

In un quadro così complicato, anche sotto il profilo psicologico, diventa indispensabile il monitoraggio dei casi e il controllare l’andamento della pandemia di Coronavirus.

I dati del monitoraggio settimanale del Ministero della salute: contagi in aumento

A questo proposito, Silvio Brusaferro, presidente dell’istituto superiore di sanità, riporta e commenta i dati del monitoraggio settimanale del ministero della salute: “In Italia c’è una rapida impennata del numero di nuovi casi Covid, e una fortissima circolazione del virus in tutte le regioni. Questo tranne che nella provincia autonoma di Bolzano, dove ci sono segnali di una decrescita”. Rallenta l’aumento dei contagi nella fascia 5 – 11, ma si riscontrano ricoveri in fascia pediatrica, anche se in misura relativa.

Il presidente dell’istituto superiore di sanità lancia l’allarme: di questo passo gli ospedali rischiano il collasso

La preoccupazione di Brusaferro ha avuto modo di esprimersi pienamente, durante la riunione tenutasi nella giornata di ieri. Tale incontro del comitato tecnico scientifico, prendeva in esame in report settimanale, una situazione studiata minuziosamente al fine di gestirla nel modo migliore.

L’intervento del presidente dell’istituto superiore di sanità è breve, chiaro e conciso e ha chiarito la situazione attuale; il medico, infatti, ha dichiarato: “il trend dei ricoveri ha una crescita molto rapida, i sistemi sanitari potrebbero trovarsi in difficoltà a breve”.  

Una situazione preoccupante, che riguarda tutti noi e che, per essere gestita efficacemente, richiede impegno e responsabilità da parte di tutta la comunità.