4shared
4.3 C
Napoli
martedì, 25 Gennaio 2022

Oskar Schindler l’eroe che cercò di salvare molti ebrei

L'Emalia, la fabbrica che ha assunto molti ebrei nel periodo nazista

Da non perdere

Oskar Schindler era un industriale e uomo d’affari noto soprattutto per aver salvato la vita di oltre 1.200 ebrei dall’essere deportato ad Auschwitz, il più grande campo di concentramento della Germania nazista, durante l’Olocausto. La sua storia è stata condivisa in tutto il mondo con l’aiuto del romanzo Schindler’s list di Thomas Keneally del 1983, che è stato successivamente adattato in un film popolare di Steven Spielberg e interpretato da Liam Neeson.

Schindler non solo è famoso per le sue azioni eroiche durante l’Olocausto, ma poche persone sanno che faceva parte del partito nazista e usavano la sua posizione per salvare le persone. Schindler era stato conosciuto come un ricco industriale e qualcuno a cui piacevano le cose più belle della vita, ma il proprietario della fabbrica e uomo d’affari emerse dalla fine della seconda guerra mondiale come un eroe di guerra e continua ad essere conosciuto come uno dei più grandi risparmiatori del popolo ebraico e un gentile giusto.

Oskar Schindler salvò circa 1.200 ebrei da un’ inevitabile morte ad Auschwitz. Oggi, i discendenti di questi 1200 ebrei sopravvissuti sono stati stimati intorno ai 7.000, ma potrebbero essere più vicini a 8.000 o 9.000 calcolando anche quelli presenti negli Stati Uniti, in Europa e in Israele.

La fabbrica Emalia di Oskar Schindler

Conosciuta anche come Deutsche Emalwarenfabrik Oskar Schindler, tradotta in inglese come la “Fabbrica tedesca di smaltatura Oskar Schindler”, Emalia era l’unica azienda di proprietà di Schindler che assumeva ebrei. Anche se “assunto” potrebbe non essere il termine corretto per questo; Emalia aveva salvato oltre 1000 ebrei dal ghetto di Cracovia come lavoro forzato.

Piuttosto che affrontare un’inevitabile morte ad Auschwitz, in seguito alla liquidazione del ghetto di Cracovia nel 1943, Schindler convinse il personale nazista che aveva bisogno di manodopera ebraica per la sua fabbrica, a volte pagando enormi somme ai nazisti per permettere questo.

Nel 1943, in seguito al nuovo sviluppo di Plaszow da parte delle SS in un nuovo campo di concentramento, Schindler usò il suo status e la sua persuasione per trasformare Emalia in parte del campo. Ciò impedì a tutti i lavoratori ebrei di Emalia di essere sottoposti a condizioni peggiori e ha anche dato ad altri 400 ebrei di vivere anche in questa fabbrica.

Il tentativo di Schindler di aiutare i suoi lavoratori ebrei non passó inosservato alle SS, e portò a numerose indagini sul proprietario della fabbrica, che portarono a tre arresti separati. Tuttavia, le autorità tedesche non furono mai in grado di fornire motivi sufficienti per convalidare l’arresto, il che significa che camminava libero ogni volta.

Tra gli oltre 1000 lavoratori ebrei di Oskar c’era Rena Finder. Finder era uno degli ebrei più giovani, se non il più giovane, che lavorava per L’Emalia di Schindler, ed è stato recentemente intervistato da Time sulle sue esperienze. Finder spiega che si è sentita curata da Schindler mentre lavorava a Emalia, sostenendo “Ricordo di aver avuto la polmonite e sono rimasta in clinica per tre giorni. Se mi fossi ammalato a Plaszow mi avrebbero ucciso. Se rimanessi in clinica lì per più di un giorno, sparerebbero al paziente. Questo non è successo nella fabbrica di Oskar Schindler.

Attraverso Emalia, Schindler è stato in grado di proteggere la vita di molte persone vulnerabili come Rena Finder, che ha affermato che “È stato inviato da Dio a prendersi cura di noi”.

image_pdfimage_print

Ultimi articoli