17.4 C
Napoli
mercoledì, 7 Dicembre 2022

“Orgoglio 43”, le quattro giornate di Napoli a teatro

L'evento storico verrà rappresentato sul palco del Teatro Instabile di Napoli.

Da non perdere

Eva Maria Pepe
Laureata in Lettere classiche, ama l'arte, la letteratura, i viaggi. Il suo più grande sogno è diventare scrittrice.

Le Quattro Giornate di Napoli vanno in scena in un nuovo entusiasmante spettacolo teatrale. L’evento nasce grazie alla collaborazione tra l’Istituto campano per la storia della resistenza e dell’antifascismo ‘Vera Lombardi’ e l’ Accademia vesuviana del teatro e del cinema di Gianni Sallustro. Lo spettacolo andrà in scena a venerdì 30 settembre alle ore 18 al Teatro Instabile di Napoli. Il titolo è “Orgoglio 43”. La data scelta inoltre non è casuale. L’insurrezione popolare avvenne infatti tra il 27 e il 30 settembre 1943. L’occasione infatti ci ricorda che stiamo per vivere il settantanovesimo anniversario dell’evento.

Sulla scena di “Orgoglio 43” ci saranno importanti nomi del teatro contemporaneo come Davide Vallone, Carlo Paolo Sepe, Nancy Pia De Simone. Poi Noemi Iovino, Roberta Porricelli, Elisa Sodano, Maria Crispo, Antonella Montanino, Gianni Sallustro, Roberta D’Agostino, Francesca Fusaro e Tommaso Sepe. Le musiche e le luci saranno a cura di Marcello Radano. Lo spettacolo rientra dunque nell’ambito delle commemorazioni del grande evento storico organizzate dal Comune di Napoli con ICSR e ANPI.

Il progessore Guido D’Agostino è uno dei fautori dell’evento. D’Agostino è docente di Storia Moderna alla Federico II e presidente dell’Istituto Campano per la Storia della Resistenza. Il luminare ha detto: “Il Tin è stato riportato a nuova vita, rifiorito nel bel mezzo del cuore antico della città, nello snodo tra decumani e cardini, in vico Fico Purgatorio ad Arco. Bellezza e salute di una pianta dipendono dalla qualità delle radici: la grande città del Mezzogiorno che per prima ha scelto la libertà ed indicato al Paese tutto il modello e la via da seguire, si ripropone all’attenzione di tutti noi nelle forme dello spettacolo teatrale: Orgoglio ’43 e ci invita, in pratica, a ricordare sempre che il mondo si può cambiare. Basta avere il coraggio di provare a farlo”.

Il regista di “Orgoglio 43”  Gianni Sallustro ha detto invece:“Ho accolto con entusiasmo l’invito del professore Guido D’Agostino a creare uno spettacolo su questo momento storico di fondamentale importanza per la città e per la Nazione tutta. Non è stato facile creare un testo, con contributi di scritti di importanti autori, perché le insidie erano molte. Spero di essere riuscito a centrare lo spirito del tempo”.

image_pdfimage_print

Ultimi articoli