Ong: evacuati 13 migranti “vulnerabili”

Tredici migranti considerati "vulnerabili", facenti parte del gruppo di 54 migranti salvati dalla ong Mediterranea, sono stati evacuati dalla nave per il trasbordo.

Tredici dei 54 migranti salvati dalla ong Mediterranea sono saliti a bordo di una motovedetta della Guardia di Finanza per il trasbordo dopo l’accordo tra l’Italia e La Valletta. I tredici migranti in questione sono considerati “vulnerabili”.

“È una buona notizia. Finalmente. – afferma la ong – Adesso devono sbarcare presto anche gli altri 36 naufraghi rimasti. L’accordo tra governi italiano e maltese è stato confermato da entrambe le parti: siamo in attesa che le Autorità organizzino il loro trasferimento a Malta su assetti militari, dal momento che non può ovviamente avvenire a bordo della Alex”.

La Valletta è disponibile ad accogliere gli immigrati a bordo della Alex e Roma ne riceverà altrettanti da Malta per lasciare invariata la pressione dell’accoglienza sull’sola.

Per quanto riguarda l’Ong Sea-Eye, che questa mattina ha  salvato 65 persone  sulla sua nave Alan Kurdi al largo della Libia, il Viminale sta predisponendo il divieto di ingresso in acque territoriali italiane. Berlino chiede un porto sicuro.

Il ministro dell’Interno Matteo Salvini, che ha firmato in mattinata il divieto di ingresso nelle acque italiane della nave di Mediterranea, dichiara: “In Italia non arrivano: c’è un porto maltese a disposizione, vanno a Malta, e la ong tedesca può scegliere fra la Tunisia e la Germania”.

Sul caso interviene duramente anche il ministro dello sviluppo economico, del lavoro e delle politiche sociali Luigi Di Maio, asserendo: “Incoscienti questi delle Ong che utilizzano una barca a vela per andare in Libia, prendere delle persone e venire in Italia”.

“È giusto che queste persone vadano a Malta” – aggiunge Di Maio – “È un grande show di speculazione politica: c’è chi se ne avvantaggia dicendo no alle entrate e c’è chi se ne avvantaggia dicendo vogliamo entrare”.

Print Friendly

LASCIA UN COMMENTO