10.7 C
Napoli
martedì, 31 Gennaio 2023

Mondiali 2018 – Russia Croazia 5-6. Fatali i rigori!

Rakitic regala la semifinale ai croati: russi ko ai rigori

Da non perdere

Termina qui l’entusiasmo della squadra russa, che ha regalato tante gioie ai propri tifosi e a quelli di tutto il pianeta,  realizzando una favola che ha portato L’orso bianco fino ai quarti di finale.

Non è bastato però l’impegno degli uomini di Cherchesov,  letteralmente sfiancati a fine gara, per superare l’ostacolo croato. Modric e  compagni infatti grazie alla lotteria dei calcio di rigore, vincono la gara 6-5 e balzano in semifinale dove incontreranno mercoledì sera a Mosca alle 20:00 la squadra dei Leoni d’Inghilterra.

Il primo tempo la Croazia parte  forte, dominando la squadra russa, attraverso un possesso di palla infinito, senza però concretizzare. I russi viceversa tecnicamente svantaggiati, hanno giocato la classica partita di rimessa, con lunghi lanci per il gigante di Dzyuba  che da solo in attacco ha tenuto testa all’intera difesa croata. Tutto questo fino al 31esimo quanto Cheryshev tira fuori dal cilindro il classico colpo della domenica. Da fuori area infatti, di sinistro, fa partire un siluro che si infila nell’angolino alto a destra del portiere Subasic, che non può fare altro che osservare la palla entrare nella porta. Lo stadio Olimpico Fist è  in delirio e la Croazia accusa il colpo,, ma non si abbatte è sul finire del primo tempo Mandzukic  fornisce un assist al bacio a kramaric che  di testa sigla La rete dell’1-1 con la quale si chiude il primo tempo.

Nella ripresa il Leitmotiv è lo stesso, Croazia in attacco e Russi che si limitano a controllare.  Al quarto d’ora squillo di tromba dei croati, con Perisic sfortunato, che colpisce un palo interno, l’interista però lascia il campo dopo appena due minuti al compagno di squadra nerazzurra  Brozovic. A questo punto la squadra russa fa i il possibile per giocarsela ai supplementari soffrendo e resistendo fino alla fine dei tempi regolari.

Nell’extra-time al minuto 100 Vida con un colpo di testa maligno, coglie impreparata la difesa russa e realizza la rete del momentaneo 2 a 1 per i balcanici. Gioia incredibile per i tifosi croati e lo stesso Dalic non riesce a contenere l’esultanza. Cherchesov però  è un leone in gabbia e non ci sta, chiede  l’aiuto dei tifosi sugli spalti, aizzandoli come un vero e proprio capo popolo e vede premiata la sua abnegazione, nell’incitare e incoraggiare i propri uomini senza soluzione di continuità, al minuto 115, quando  Mario Fernandes svetta più alto di tutti e di testa su un calcio di punizione dal vertice destro dell’area, realizza la rete del 2 a 2 definitivo. Tifosi in delirio Sugli spalti e calci di rigore.

Subasic, memore delle parate miracolose che hanno consentito ai croati il superamento del turno ai calci di rigore agli ottavi, si esalta ancora una volta parando il primo tiro dal dischetto e grazie ad un successivo errore dei russi consente alla Croazia di superare il turno, gettando nello sgomento un’intera nazione che a quel punto aveva creduto nell’ennesimo miracolo.

Al  popolo Russo rimane comunque la soddisfazione di avere visto premiato l’impegno di una squadra che non si è  mai risparmiata e che con il coraggio infuso da Cherchesov, vero e proprio condottiero fuori campo, li ha portati ad accarezzare un sogno che ha fatto felici milioni di uomini e  a cui non possono che andare gli applausi di tutto il mondo per il divertimento offerto.

Per la Croazia ancora una volta, il destino passa dalle mani di Danijel Subasic. Il numero 1 è risultato alla lunga uno dei protagonisti della squadra Biancorossa e ha dato la possibilità propri sostenitori  di festeggiare tutta la notte nelle strade della penisola balcanica,  tra cori e feste che hanno coinvolto l’intera Nazione,  che ha celebrato una storica qualificazioni alle semifinali mondiali, per la seconda volta nella sua breve storia,  dopo quella quella di vent’anni fa ai mondiali di Francia, dove chiuse ottenendo uno storico terzo posto.  Ad attenderli ora la perfida Albione…

image_pdfimage_print

Ultimi articoli