21.2 C
Napoli
giovedì, 6 Ottobre 2022

Oggi il ritorno di Samantha Cristoforetti (Diretta video)

Da non perdere

Cinzia Capezzuto
Collaboratore XXI Secolo.

cinzia_Capezzuto_21_secolo_samantha_cristoforetti
Samantha Cristoforetti

Il capitano Cristoforetti torna con i piedi per terra. Dopo 200 giorni (199 giorni e 7 ore) la missione di Samantha e dei suoi colleghi Terry Virts e Anton Shkaplerov giunge al termine. La nostra amata Samantha Cristoforetti per 200 giorni ci ha fatto sognare con immagini eccezionali. Grazie ai Social Network ci ha fatto conoscere un po’ di spazio, ha condiviso con noi una realtà strabiliante ai più sconosciuta, ci ha fatto vivere la quotidianità della vita in orbita.

Samantha Cristoforetti gode di tanti primati come: essere la prima donna nello spazio; l’astronauta donna con il record di permanenza continuativa in orbita; l’ospite d’eccezione al Festival di Sanremo.

Ha condiviso con noi l’irrinunciabile piacere di un caffè. Non un caffè qualunque ma il primo caffè espresso nello spazio preparato con la prima macchina per caffè espresso spaziale.

cinzia_Capezzuto_21_Secolo_caffè_spazio
Il primo caffè nello spazio

Per il popolo partenopeo rappresenta un motivo di orgoglio in più: la prima donna dello spazio ha conseguito la laurea triennale in Scienze Aeronautiche, presso l’ex Facoltà di Scienze Politiche, oggi Dipartimento di Scienze Politiche, dell’Università Federico II nell’ottobre 2004 con 110/110 lode.

Questa l’esatta cronologia del rientro:

cinzia_Capezzuto_21_secolo_landing_site
Landing Site

8.30: inizio diretta dei saluti degli astronauti su Nasa Tv;
8.55: chiusura portellone Soyuz;
12.20: sgancio della Soyuz dalla Stazione;
14.51: accensione di rientro o retro-accensione;
15.18: separazione dei moduli della Soyuz e preparazione per l’ingresso nell’atmosfera;
15.28: apertura del paracadute principale del modulo di discesa (a circa 10 km di altezza);
15.43 (le 19.43 in Kazakistan): atterraggio

Segui la diretta del rientro:

Originariamente il rientro era previsto per il 14 maggio. Esso è stato ritardato a causa del mancato attracco del cargo Progress M-27M, il quale, disintegratosi nell’atmosfera, è precipitato nel Pacifico ai primi di maggio. Il capitano Cristoforetti ha così spiegato l’accaduto nel diario di bordo: “Avamposto Spaziale ISS. Orbita Terrestre – Giorno di missione 170 (12 maggio 2015) – Avete sentito la notizia? Oggi Roscosmos, l’Agenzia Spaziale Russa, ha ufficialmente annunciato che il nostro atterraggio è rimandato all’inizio di giugno, vale a dire che… Terry, Anton e io potremo rimanere nello spazio per qualche altra settimana! Mentre scrivo queste righe non riesco proprio a credere che la nostra data di atterraggio originale fosse domani, e a quest’ora starei per entrare nel mio sacco a pelo sulla ISS per l’ultima volta”.

image_pdfimage_print

Ultimi articoli