4shared
8.5 C
Napoli
mercoledì, 1 Dicembre 2021

Nuovo intervento di De Luca: tante “buone nuove”

Nel corso delle prossime settimane si lavorerà alle terze dosi, già in corso in Campania, e si deciderà come procedere sui vari aspetti che caratterizzano i comparti in ripresa, con altre azioni mirate, volte a ristabilire unità e crescita.

Da non perdere

Nuovo intervento particolarmente atteso quello di oggi del Presidente Vincenzo De Luca, che come ogni venerdì ha fatto il punto della situazione pandemica in Campania; questa volta però, l’attenzione del Governatore si è soffermata sulla percentuale di immunizzazione, che in Campania ha raggiunto l’80%.

Notizie positive dunque, che però si contrappongono alle proteste dei cosiddetti no Green-pass e No-vax.

Da oggi il green-pass è obbligatorio sui luoghi di lavoro, in tutta Italia, nonostante i cittadini secondo i media appaiano sempre più disinformati e confusi.

Stamattina infatti non sono mancate le proteste di quanti si oppongono a tutto ciò. A Napoli la situazione è apparsa sin da subito abbastanza tranquilla, nonostante le diverse proteste, presso la Prefettura e ad Ischia, dove alcuni cittadini sono scesi in piazza.

Ieri una fiaccolata tra i Green-pass, alla quale hanno partecipato anche due medici, i quali hanno sottolineato quanto l’uso del documento verde, sia sbagliato e vada a ledere la libera scelta.

“Rischiano di bloccare tutto. Stiamo procedendo alla somministrazione della terza dose e poi dovremo far partire, ma già siamo partiti per primi in Italia, le vaccinazioni antinfluenzali”. Ha dichiarato con piglio duro, il Presidente Vincenzo De Luca oggi.

Nuovo “intervento social” per il Governatore campano

La situazione pandemica a Napoli non desta preoccupazione, ha specificato il governatore all’inizio del proprio intervento, ma è spesso messa in discussione da quanti si appellano alla propria libertà e scelgono di non vaccinarsi.

I No-Vax, sono sempre esistiti, così come ha precisato il Governatore, ma, ora il pericolo è quello di finire di nuovo nel baratro e retrocedere.

Fortunatamente il fronte scuola è positivo, non si registrano infatti focolai e si continua con la didattica in presenza, rispettando tutti i parametri vigenti.

Ma anche all’interno delle aule, “Bisogna fare attenzione agli esuli che scelgono di non vaccinarsi, nonostante tutto”, ha ribadito De Luca, nel suo consueto intervento del venerdì, in diretta Facebook.

“Ad oggi gli obiettivi primari sono tre: il primo è quello di uscire definitivamente dalla epidemia. Poi non chiudere più le scuole e nemmeno le attività economiche”.

Le buone notizie non riguardano solo il comparto scolastico, ma anche quello occupazionale, che è in crescita; “Pubblichiamo oggi le graduatorie finali di un concorso per 530 nuovi occupati presso i centri per l’impiego. Vanno a firmare un contratto a tempo indeterminato – spiega – siamo riusciti, nonostante il periodo Covid, a completare un concorso con la partecipazione di 70mila persone. E’ in corso di definizione una altro concorso che riguarda 110 giovani informatici, soprattutto da assumere”.

Nuove assunzioni, nuovi contratti di impiego e giovani che si spera potranno trovare lavoro in un contesto già di per sé difficile e gravemente compromesso.

Ricordiamo a tal proposito che la pandemia da Covid-19 ha ulteriormente affossato vari settori, tra i quali quello occupazionale, mettendo in crisi aziende e lavoratori. 

Nel corso delle prossime settimane si lavorerà alle terze dosi, già in corso in Campania, e si deciderà come procedere sui vari aspetti che caratterizzano i comparti in ripresa, con altre azioni mirate, volte a ristabilire unità e crescita.

image_pdfimage_print

Ultimi articoli