Nuovo allarme immigrati. 446 sbarcano a Siracusa

sbarco immigrati_Anna_De_Rosa_21secolo
sbarco immigrati

Continuano gli sbarchi sulle coste italiane e il numero cresce vertiginosamente. Altri 446 migranti arrivano nel porto di Augusta, nel siracusano, dopo essere stati soccorsi nel Canale di Sicilia dalla nave Bettiga della marina militare. I profughi sono stati messi in salvo dall’unità militare e sono stati sottoposti a uno screening sanitario per accertare le condizioni di salute. Tra questi, molti sono donne e bambini. Agghiacciante e commovente la testimonianza di alcuni soccorritori che hanno raccontato di aver visto due bambini che si abbracciano sul ponte della nave della marina militare, giunta nel porto siracusano con a bordo speranza e paura. Tra i migranti è stato portato in salvo anche un neonato, sceso sulla terraferma tra le braccia di un militare che lo allattava con un biberon.

ImmigratiL’emergenza si estende non solo in Sicilia, ma anche in Campania. Sono sbarcati nel salernitano 540 profughi, recuperati da due barconi in avaria a 150 miglia a sud di Lampedusa al largo di Tripoli. Al molo ‘Manfredi’ di Salerno sono arrivati tra somali ed eritrei, 365 uomini, 174 donne e un minore non accompagnato. È stata segnalata anche la presenza di una donna incinta al nono mese di gravidanza.

La situazione rischia di degenerare sempre più: c’è molta tensione nei centri di accoglienza ed è sempre più difficile mantenere il controllo. Difatti oggi i carabinieri hanno arrestato un 35enne nigeriano con l’accusa di sequestro di persona e minacce. L’uomo, O. F. ha minacciato e rinchiuso in una stanza il responsabile del centro di accoglienza di Borgetto, nel palermitano, perché pretendeva l’immediato rilascio del permesso di soggiorno e delle tessera sanitaria.

Print Friendly, PDF & Email

Collaboratore XXI Secolo. Schietta, eclettica e risolutrice. Laureata in Lettere Moderne, attualmente è iscritta alla specialistica di Filologia Moderna presso l'università Federico II di Napoli. Ha conseguito una formazione musicale presso il conservatorio San Pietro a Majella.

more recommended stories