28.1 C
Napoli
sabato, 28 Maggio 2022

Nuova vita ai libri (quasi) a costo zero

Da non perdere

Claudia Camillo
Collaboratore XXI Secolo.

Gli irriducibili “sniffatori” di libri converranno che la lettura di testi tramite dispositivi elettronici simil Kindle sia una sorta di tortura all’ avanguardia, sebbene rimanga un’alternativa decisamente economica, che va a braccetto con un portafogli che non deve necessariamente piangere ad ogni acquisto letterario compulsivo. Per il gruppo d’irriducibili “sniffatori” il piacere della lettura cartacea è seconda soltanto a un’abbuffata di uova di cioccolato pasquali senza conseguenze deleterie per la dieta. Meglio ancora, se i testi portano con sé delle storie, non per forza seconde a quelle che racchiudono. Pagine ingiallite, un po’ piegate, dediche di sconosciuti, odori che non svaniscono e che ci accompagnano nella lettura dei romanzi che abbiamo sempre desiderato, e tutto ciò quasi a costo zero.

bookmooch_21secolo_Claudia CamilloNon è un sogno né un’utopia, ma una realtà, grazie a siti come Bookmooch.com grazie al quale lettori di tutto il mondo si scambiano romanzi, saggi, opere letterarie di ogni genere, senza dover per forza accendere un mutuo in banca. Chi dice che la cultura deve necessariamente costare? Non a caso il sito sottotitola “Nuova vita a vecchi libri”. Basta fare una piccola cernita nella nostra personalissima libreria (quale sniffatore seriale di pagine non ne ha una?) e raccogliere i testi che non ci hanno entusiasmato, frutto di regali di zie, opere classiche di difficile lettura, che ci siamo dovuti sorbire a causa di professori rompiscatole: da adesso è possibile scambiarli con le opere dei nostri sogni. Tramite un semplice login e un sistema di scambio di punti, Bookmooch.com si qualifica come una piattaforma semplice e veloce per il rinnovo del nostro bottino letterario.

Inventato e gestito da John Buckman, il sito dà la possibilità di creare una propria wishlist di libri, segnalandovi immediatamente i possessori che degli stessi titoli vorrebbero sbarazzarsene: in questo modo si potranno moochare, cioè richiedere tramite un semplice messaggio o email. Allo stesso modo, siamo chiamati a creare una lista dei libri disposti a dar via, così che altri utenti possano adottarli allo stesso semplicissimo modo. Mooch è un termine particolare, dello slang britannico, che significa letteralmente “ottenere qualcosa senza pagarla o prendere in prestito qualcosa senza avere l’intenzione di restituirla”, come viene ironicamente spiegato nella descrizione disponibile sulla stessa piattaforma.

posta_21secolo_ClaudiaCamillo

Ancora non siete del tutto convinti? Pensate che sia impossibile esaudire questo vostro sogno a costo zero? In realtà, è un costo di appena 1,28€ da versare alle Poste Italiane: si tratta dello sconosciuto Piego di Libri, un sistema d’invio di libri, documenti cartacei, DVD e CD, che fino a qualche tempo fa era monopolio dell’editoria e che attualmente può essere usufruito anche da cittadini privati. Naturalmente, era nell’interesse dello Stato non diffondere la notizia, per cui ogni tanto qualche lettore lamenta difficoltà nell’invio di libri tramite il “Piego”, anche se non dovrebbe essere così ed è in vostro diritto farlo presente. Il tutto è molto semplice: basta specificare che il servizio di affrancatura deve essere elaborato, pagato e spedito tramite questo servizio speciale, ricordandovi di mettere bene in vista, con una scritta in penna o pennarello, la dicitura PIEGO DI LIBRI. Nessun operatore postale, nessun dirigente né direttore potrà negarvi la spedizione.

Ora sta a voi, cari e avidissimi lettori, sniffatori di pagine e amanti del vintage, fare della letteratura non un capitale morto e sepolto sui vostri scaffali, ma donargli nuova vita facendola circolare il più possibile. Solo così potrete trovare nuovi tesori e testi che per voi saranno ancore in questo mondo in continuo movimento.

image_pdfimage_print

Ultimi articoli