mercoledì 24 Luglio, 2024
31.3 C
Napoli

Articoli Recenti

spot_img

Novità Naspi nel decreto Sostegni bis

La Nuova Assicurazione Sociale per l’Impiego (Naspi) è una prestazione a domanda, erogata a favore dei lavoratori dipendenti che abbiano perduto involontariamente l’occupazione. Il decreto Sostegni bis introduce un’importante novità riguardante l’indennità di disoccupazione Naspi.

Infatti a partire da questo mese, giugno 2021 e per tutto l’anno non si applicherà all’indennità di disoccupazione il meccanismo che porta l’importo a ridursi del 3% al mese dopo i primi 3 mesi di fruizione.

Ciò vale sia alle indennità già in corso di erogazione che alle nuove indennità che avranno decorrenza da giugno a settembre, in quanto il meccanismo scatta solo dal quarto mese e per le indennità richieste dopo il mese di settembre il quarto mese si colloca nel 2022.

Già precedentemente un’importante novità alla Naspi era stata portata dal primo decreto Sostegni in quanto aveva semplificato i requisiti di accesso eliminando, solo per il 2021, il requisito delle 30 giornate di lavoro effettivo nei 12 mesi precedenti l’evento di disoccupazione per allargare la platea dei beneficiari del sussidio.

Il Decreto Sostegni bis, invece, rafforza l’importo della Naspi.

Il vecchio meccanismo dell’indennità prevedeva che dal quarto mese di fruizione l’importo spettante si riducesse del 3% ogni mese.

Il Sostegni Bis prevede dunque per i beneficiari di Naspi l’importo pieno della prestazione per tutto il 2021 per le indennità già in corso di erogazione e per quelle che verranno richieste con decorrenza dal 1 giugno al 30 settembre 2021.

Ma attenzione, dal 1 gennaio 2022 l’importo spettante della Naspi sarà calcolato inserendo tutte le riduzioni che sarebbero state applicate nel corso del 2021 senza la sospensione.

Tale meccanismo, in tale ottica, si prospetta un vantaggio solo per chi ha la Naspi in scadenza entro il 31 dicembre 2021, in quanto in tutti gli altri casi in cui continuerà la fruizione nel 2022  il calcolo dell’importo da gennaio sarà effettuato applicando tutte le riduzioni che avrebbero dovuto operare nei mesi di sospensione.