4shared
4.3 C
Napoli
martedì, 25 Gennaio 2022

Nino Farina vince il Gran Premio di Italia

Il pilota torinese è stato il primo campione mondiale di Formula Uno. Oggi ricordiamo la sua vittoria ottenuta a Monza il 3 settembre 1950

Da non perdere

Eva Maria Pepe
Laureata in Lettere classiche, ama l'arte, la letteratura, i viaggi. Il suo più grande sogno è diventare scrittrice.

Il 3 settembre 1950 Giuseppe Farina, anche detto “Nino” si aggiudicò il primo campionato di mondiale di Formula Uno vincendo il Gran Premio di Italia a Monza.

Un’annata eccezionale per il pilota torinese. Aveva appena cominciato la stagione con la vittoria a Silverstone ottenendo così il Gran Premio di Gran Bretagna. Nel corso di quell’anno speciale ottenne anche il Gran Premio di Svizzera a Berna. Tre vittorie in tutto ottenute grazie alla sua Alfa Romeo 159. Le stesse ottenute dallo storico avversario Juan Manuel Fangio. Il pilota argentino, a bordo della stessa vettura di Farina, riuscì ad ottenere un gran numero di vittorie, non tutte però in corse valide per il titolo mondiale.

Nino Farina era un personaggio particolare. Noto alle cronache mondane soprattutto per alcuni comportamenti, dentro e fuori dai circuiti, in quegli anni considerati “eccessivi”. Si ricorda, ad esempio, il vezzo di correre con un sigaro cubano in bocca, oltre alla sua passione per le donne.  Fu lui l’uomo disegnato dalla scuderia per la vittoria del primo mondiale.

Vincendo contro ogni pronostico, Farina si era presentato all’appuntamento finale di Monza al terzo posto nella graduatoria iridata. L’uomo da battere quel giorno fu per l’appunto Fangio, che fece il giro più veloce in gara. Questo però lo portò ad un inconveniente. La sua vettura si ruppe al ventiquattresimo giro. Seppur ottenne la vettura di riserva del compagno Taruffi, dovette comunque arrendersi di fronte alla velocità e alla superiorità di Farina. Nino ottenne 30 punti, Fangio solo 27.

Nonostante questo, per Farina fu l’unico titolo mondiale in carriera. L’argentino invece riuscì a rifarsi negli anni successivi, vincendo in sette anni ben cinque titoli mondiali.

Farina chiuse definitivamente la sua carriera nel 1957 dopo aver fallito le qualificazioni per la 500 miglia di Indianapolis. Morì nel 1966, in un incidente stradale guidando la sua Cortina Lotus mentre si recava a Reims per assistere al Gran Premio di Francia di F1. Enzo Ferrari lo ricordava così: Nino Farina era l’uomo dal coraggio che rasentava l’inverosimile”

image_pdfimage_print

Ultimi articoli