venerdì 12 Luglio, 2024
31.5 C
Napoli

Articoli Recenti

spot_img

Niccolò Machiavelli si spense il 21 giugno 1527

Il 21 giugno, a tarda sera, Niccolò Machiavelli si è spento dopo aver sofferto di forti dolori addominali, causati da quella che il figlio pensava fosse un’overdose di un rimedio casalingo.

Solo due settimane prima era andato in giro, lavorando continuamente agli affari del governo per il governo fiorentino.

Niccolò Machiavelli si spense lentamente il 21 giugno del 1527

La vita di Machiavelli non era stata certo facile. Contemporaneo di Cesare Borgia, trascorse del tempo in compagnia dell’uomo che sarebbe diventato noto come (grazie all’opera dello stesso Machiavelli) il Principe ed era stato accusato e torturato per tradimento contro la Repubblica Fiorentina.

Suo figlio Piero scrisse degli ultimi momenti di suo padre: “Posso solo piangere nel dirti che nostro padre, Niccolò, è morto… per dolori allo stomaco causati dalle medicine che ha preso il 20. Confessò i suoi peccati al fratello Matteo, che gli tenne compagnia fino alla morte. Nostro padre ci ha lasciati nella povertà più profonda, come sai”.

Al momento della sua morte, Niccolò Machiavelli aveva appena 58 anni. Machiavelli fu coinvolto nella politica cittadina, soprattutto durante i quattordici anni, in cui la potente famiglia dei Medici fu esiliata dal potere quando era un diplomatico.

Al loro ritorno Machiavelli fu licenziato per la sua opposizione al loro governo e quindi occupò il suo tempo scrivendo quello che è diventato considerato il suo magnum opus: Il Principe. Questo libro è spesso considerato una sorta di manuale per politici spietati, poiché descrive in dettaglio come bisogna essere preparati a usare qualsiasi mezzo per preservare il potere politico. Tuttavia alcuni studiosi hanno suggerito che l’opera fosse più una satira che una guida prescrittiva.

Fu sepolto nella cripta di famiglia presso la basilica di Santa Croce a Firenze. La tomba originaria era modesta, ben lontana dal sontuoso e bellissimo memoriale che accoglie oggi i visitatori della basilica: il suo corpo fu traslato nel Settecento e dopo il suo nome divenne l’epitome della realpolitik.

La tomba oggi, un’eco della sua esplosione di fama nel XVIII secolo, è incisa con le parole: “Per un nome così grande, nessuna parola sarà sufficiente“.