Napoli, tra polveri sottili e pioggia in arrivo

smog_21secolo

La cosiddetta Primavera in anticipo, così definita per l’assenza di freddo e soprattutto delle piogge durante i mesi più freddi, sembrerebbe all’epilogo. A confermarlo le previsioni meteorologiche, che porteranno sull’Italia pioggia e temperature più basse. Fino a martedì, l’anticiclone estivo con questo tempo asciutto ed eccezionalmente mite per il periodo, soprattutto in montagna, lascerà spazio all’alta pressione che mercoledì inizierà a farsi sentire portando perturbazioni atlantiche sul Mediterraneo.

Prevista una seconda e più intensa perturbazione durante il prossimo weekend, che porterà maltempo intenso con abbondanti piogge anche se più di stampo autunnale che invernale, con le temperature in aumento al centro-sud con l’arrivo di venti di scirocco. Viste le condizioni degli ultimi mesi, anche se continuerà ad essere un clima fuori stagione, è comunque una buona notizia. Dopo la forte siccità e l’avvicinarsi della primavera, la necessità dell’acqua dopo un inverno avaro di piogge è fondamentale.

STOP ALLE AUTO – Nell’attesa dei temporali, fino a sabato 6 febbraio scatta il blocco totale (salvo alcune eccezioni) della circolazione. Ad essere coinvolte oltre 350mila automobili, che dovranno fermarsi per evitare che le polveri che intossicano l’aria non gravino ulteriormente alla salute dei cittadini. La drastica misura anti-inquinamento, estesa per 6 giornate consecutive e non a giorni dispari come le precedenti, aumenta anche nelle ore del blocco. Il dispositivo, iniziato stamattina alle 9:30, durerà fino alle 12:30 per riprendere poi dalle 14:30 fino alle 19.30. In queste 8 ore di divieto, le vetture con targa Euro 4 potranno circolare liberamente.

A spiegare meglio l’importanza del dispositivo è il vicesindaco Raffaele Del Giudice: “Un’altra differenza consiste nell’estensione del divieto anche alle auto che circolano all’interno dell’area del porto. Per il resto, l’elenco delle limitazioni Il divieto riguarderà gli autoveicoli compresi tra le categorie Euro 0 ed Euro 3, ovvero quelli che contribuiscono maggiormente alle emissioni inquinanti. Via libera per tutte le altre auto, comprese quelle alimentate a GPL o metano. Per le moto, la circolazione sarà vietata per tutti quei mezzi che non siano a 4 tempi oppure per gli Euro 2 e i successivi. Altre deroghe sono previste per una pluralità di categorie, dai medici in servizio ai non residenti in Campania, fino alle auto con almeno tre persone a bordo e ad altre ancora. L’elenco completo è visibile sul portale istituzionale del Comune”.

Print Friendly

LASCIA UN COMMENTO