25.8 C
Napoli
martedì, 9 Agosto 2022

Napoli-Torino, Spalletti pronto a scacciare i fantasmi del passato

Terminata la sosta delle nazionali, gli azzurri si preparano a sfidare al Maradona la "bestia nera" chiamata Juric, seduto, stavolta, sulla panchina del Toro

Da non perdere

Profonda tensione, ansioso turbamento, uno stato emotivo di sbigottimento. Spaventosi ed agghiaccianti figure spettrali si aggirano tra i meandri di casa Napoli; la dimora preferita dei fantasmi del passato, però, sembra essere l’armadio, luogo abitato anche dagli scheletri. Insomma, i fantasmi del passato e gli scheletri nell’armadio incutono timore, soprattutto con Halloween alle porte. Eppure, è stato Luciano Spalletti a rischiarare le tenebre ed a scacciare queste preoccupazioni futili. Per gli azzurri è giunto il momento di scovare il proprio coraggio e affrontare Ivan Juric.

Con questo nome, infatti, riemergono dagli abissi della memoria episodi indelebili, i quali, spesso, fomentano e diffondono rabbia all’interno della tifoseria azzurra. Quel Napoli-Hellas Verona e quella mancata qualificazione alla Champions League, addolorano ancora un’intera città, amareggiata e stizzita. Ma Luciano non era il tecnico del Napoli all’epoca, lo scenario è completamente mutato.

I risultati fatti finora non devono essere un peso, ma una gioia per tutti. Noi siamo felici di stare in questa posizione, ci troviamo a nostro agio. Lei ha mai letto quante volte mi hanno detto che vedo fantasmi dappertutto? Me l’hanno sempre detto, è lo stesso, ma non ci torniamo. Io non c’ero in quel Napoli-Verona, mi sono trovato a doverne riparlare e dire che bisognava farla finita perché parlare del tempo perso è ulteriore tempo perso. Perdi energie in cose che non puoi sistemare. Juric ha fatto il suo lavoro e l’ha fatto bene, per cui non si va a dirgli niente“. Ha parlato così l’allenatore toscano in conferenza stampa; le sue parole testimoniano la crescita repentina della squadra azzurra.

Napoli-Torino: gli azzurri a caccia dell’ottavo successo

Questo pomeriggio si disputerà al Maradona la sfida tra Napoli e Torino, valida per l’ottavo turno di campionato. Ostacolo piuttosto mastodontico per gli azzurri di mister Spalletti, i quali sono alla ricerca dell’ennesima sinfonia suonata dai partenopei. Scacciati i fantasmi del passato al di fuori del terreno di gioco, è giunto il momento per Luciano e i suoi ragazzi di accertare la loro crescita e dimostrare di aver rimosso dalla mente i ricordi trapassati. La soglia dell’attenzione per la partita è elevata, il desiderio di vittoria è incredibilmente spropositato.

Abbiamo iniziato parlando chiaramente della nostra ambizione, vivere senza scopo è già raggiunto, noi vogliamo avere uno scopo per allenarci e giocare in modo corretto, facendo fatica e sudando, lo si fa per un risultato. Non mi basta una vita facile, voglio metterci qualcosa di mio. Poi è chiaro che il Torino ha una storia di squadra che lotta, tosta, ogni volta ho sempre avuto difficoltà, ti dà battaglia. Ora con Juric ancora di più perché è uno che sa fare il suo lavoro, ha il suo credo, prende calciatori con quella caratteristica che vuole“.

L’allenatore toscano avrà difficoltà a scegliere i calciatori, ritornati dalle rispettive nazionali, da inserire nel suo undici titolare. L’ultimo a rientrare è stato Ospina, eppure, sembra che sarà il primo a scendere in campo, dopo il capitano, per proteggere i pali azzurri. La retroguardia sarà composta dalla coppia difensiva Koulibaly-Rrahmani; sulle corsie saranno fondamentali le incursioni di Mario Rui e Di Lorenzo. Fabian ed Anguissa, intoccabili a centrocampo, offriranno il loro solito apporto alla squadra. Politano, Zielinski ed Insigne rappresentano l’attacco del Napoli. Victor Osimhen, inoltre, completerà il reparto offensivo, Spalletti si affiderà alla rapidità e agli sprazzi del talento del calciatore per trionfare e agganciare nuovamente la vetta.

image_pdfimage_print

Ultimi articoli