4shared
11.2 C
Napoli
lunedì, 29 Novembre 2021

‘Napoli suona ancora’: un inno alla speranza

Da non perdere

In un periodo nel quale attività e spettacoli subiscono rinvii costanti a causa della pandemia, a fare la differenza è la volontà di mandare avanti gli eventi tipici del periodo natalizio nella città di Napoli.

Il settore delle produzioni artistiche e culturali vive un momento di grande difficoltà, a causa degli ultimi sviluppi. I lavoratori dello spettacolo spesso fanno i conti con scarse tutele, quasi inesistenti. Nonostante questa precaria situazione, è forte la volontà dei professionisti del settore di trovare delle alternative valide. Questo per rispondere al crescente bisogno della popolazione di iniziative culturali.

Eleonora de Majo, assessore alla cultura e al turismo del comune di Napoli, sin dal primo lockdown, ha allestito un palinsesto culturale online. Grazie a questa iniziativa, migliaia di lavoratori dello spettacolo hanno potuto continuare a portare i loro talenti nelle case degli italiani.

La situazione attuale non consente di partecipare a spettacoli dal vivo e, in generale, tutti i luoghi della cultura restano chiusi al pubblico. Da questa impossibilità, nasce, paradossalmente, un‘opportunità. Il comune di Napoli sostiene tre grandi progetti: uno musicale, uno teatrale, ed uno scenografico. L’idea è riaprire, ma senza pubblico, i teatri e fare in modo che le diverse compagnie possano regalare qualche momento spensierato alle famiglie.

Napoli suona ancora e altri eventi sostenuti dall’Assessorato alla cultura

L’evento musicale, sostenuto attivamente dall’assessorato alla cultura del comune di Napoli, coinvolge più di cento musicisti partenopei, in un connubio di generi musicali. Dal jazz al pop, dalla musica classica al rock, l’obiettivo è far ballare tutta la città, seppur a distanza, nel pieno rispetto delle norme anti – covid. Il centro dell’evento sarà il PAN|Palazzo delle Arti Napoli, nel quale si terranno le registrazioni di interessanti contenuti audiovisivi, destinati al pubblico.

Anche il Maschio Angioino sarà parte di questa organizzazione, accogliendo sulle sue ampie terrazze svariati dj set. Tra gli artisti coinvolti abbiamo: A67, Ars Nova, Flo, Francesco Di Bella, Foja, Lettieri, Gianni Lamagna, Mbarca Ben Taleb, Gnut, Maldestro, La Maschera, Zurzolo, Mimmo Maglionico & Pietrarsa.

Tra gli altri eventi proposti dall’assessorato alla cultura del comune di Napoli abbiamo: (H)EARTH, ecosystem of arts and theatre; il progetto, organizzato da Teatri associati di Napoli/Teatro Area Nord, comprende diversi teatri del napoletano che metteranno in scena 12 performance di danza e teatro che si terranno a dicembre e nei primi mesi del 2021.

Infine, il programma si conclude con ‘Luci sulla città’, un progetto di installazioni luminose, pensate non solo per decorare i diversi quartieri di Napoli, ma anche per portare un messaggio di speranza in questi tempi difficili.

Sul tema degli eventi natalizi ha preso la parola il sindaco De Magistris, che ha dichiarato: “Nonostante i tempi, nonostante il tempo, a Napoli sarà Natale. Con la musica, il teatro, la danza, le luci colorate”.

Una Napoli che non si arrende e che, nonostante le difficoltà, è determinata a portare avanti un messaggio di umanità, solidarietà e speranza.

image_pdfimage_print

Ultimi articoli