Napoli: pronto il Data center della polizia di Stato

A chi gli chiedeva del video dei due agenti in divisa che colpivano un ragazzo inerme, il capo della polizia ha affermato: "Al di là delle indagini, che non ci appartengono, abbiamo intrapreso un'azione disciplinare. Io, vedendo le immagini, ho provato un senso di grandissima amarezza e sconforto, sia per la brutalità delle immagini e la gratuità di alcune affermazioni".

francogabrielli_21secolo_francescaiannello
Franco Gabrielli

Il capo della polizia Franco Gabrielli, è intervenuto quest’oggi a Napoli per la cerimonia di inaugurazione del Data center della polizia di Stato. Il centro è stato intitolato al fondatore della polizia Scientifica,  Salvatore Ottolenghi, mentre la sala riunioni al direttore generale tecnico della polizia Vincenzo Paracuollo.

“Due grandi italiani, due grandi poliziotti”, li ha definiti Gabrielli.

Il capo della polizia ha voluto incontrare, alla presenza del questore Antonio De Iesu, l’assistente capo della squadra mobile che, pur essendo libero dal servizio, è intervenuto sei giorni fa in un supermercato di Fuorigrotta per sventare una rapina e ha ferito i due banditi armati.

“Noi facciamo il nostro e cerchiamo di farlo al meglio di noi stessi. Questo non significa che arrestare i delinquenti lo debbano fare i cittadini, sarebbe un paradosso e sarebbe un insulto. Non possono mettere in discussione il coraggio, la passione e l’abnegazione di questo collega – continua nel suo intervento Franco Gabrielli – che pur essendo libero dal servizio non ha esitato a riaffermare legalità e legge”.

A chi gli chiedeva del video dei due agenti in divisa che colpivano un ragazzo inerme, il capo della polizia ha affermato: “Al di là delle indagini, che non ci appartengono, abbiamo intrapreso un’azione disciplinare. Io, vedendo le immagini, ho provato un senso di grandissima amarezza e sconforto, sia per la brutalità delle immagini e la gratuità di alcune affermazioni”.

Ha successivamente aggiunto: “ho pensato alle centinaia di poliziotti e carabinieri che tutti i giorni fanno il loro dovere con grande passione e dedizione: quella azione poteva compromettere questo grande lavoro. Ecco perché non saremo teneri e non faremo sconti”.

Print Friendly

LASCIA UN COMMENTO