10.7 C
Napoli
venerdì, 2 Dicembre 2022

Napoli meno cara di Milano, per fare la spesa si spende il 47% in meno

Semaforo rosso per la tassa sui rifiuti

Da non perdere

Qualunque massaia di Napoli potrebbe confermare i dati dell’ultimo report del Codacons, secondo il quale nel capoluogo partenopeo si spende meno delle altre città italiane per l’acquisto di Generi Alimentari.

Semaforo rosso per Milano dove in media per l’acquisto di generi alimentari, rispetto a Napoli, si spende il 47% in più. Si spendono, cioè, in media 99,24 euro, contro i 67,58 di Napoli per pane, latte, uova , carne e pesce.

In realtà Milano è la città più cara in assoluto d’Italia, dalla colazione al bar agli acquisti dal fruttivendolo, dalla fattura del dentista alla piega dal parrucchiere, i beni e servizi nella città meneghina sono più alti che altrove.

Napoli però ha comunque un primato negativo, infatti, è la città  con la tariffa dei rifiuti più alta d’Italia (507,96 euro), il 148% in più rispetto a Trento.

Una donna Napoletana spende mediamente per tagliarsi i capelli 11,80 euro contro i 26,48 euro spesi dalle donne Baresi.

Se si hanno problemi ai denti srebbe dal punto di vista economico trovarsi a Palermo, è infatti la città siciliana quella che, secondo il Codacons, ha i prezzi più bassi per i servizi sanitari. Volendo parlare in numeri per un’ otturazione a Palermo si spendono circa 66 euro, contro i 174 euro di Aosta.

Se si ha bisogno di un ginecologo una visita privata continua sicuramente ad essere più vantaggioso trovarsi al Sud, infatti si spendono, in media, 80 euro a Napoli, 95 euro a Catanzaro, contro i 155 euro di Trento e Milano.

Anche una tazza di caffè non si paga la stessa cifra, il caffè più “salato” lo si consuma a Trento dove una tazzina di Espresso si paga 1,24 euro,la città meno cara in tal senso Catanzaro dove si spendono 0,82 centesimi di euro.

La città della Madonnina è sicuramente la più cara in assoluto, dove si spende di più anche per quanto riguarda le multe agli automobilisti, che sembrano essere i più indisciplinati d’Italia.

image_pdfimage_print

Ultimi articoli