Napoli: Manifestanti bloccati per l’arrivo di Salvini

Si è tenuta oggi la manifestazione Friday for Future anche a Napoli. Si tratta di uno sciopero globale per chiedere ai governi di intervenire con politiche ambientali con lo scopo di contrastare i cambiamenti climatici.

Un gruppo di giovani e meno giovani facenti parte della manifestazione è stato bloccato per circa 15 minuti dalla polizia per evitare che raggiungessero piazza del Plebiscito; il motivo è la presenza, in contemporanea alla manifestazione, del ministro dell’Interno Matteo Salvini.

In piazza del Plebiscito era, infatti, atteso il ministro Salvini per un incontro in prefettura in cui deve presiedere il comitato provinciale per la sicurezza e l’ordine pubblico.

Ci sono stati alcuni contatti tra i manifestanti e gli agenti in assetto antisommossa, ma la situazione non è degenerata.

Sono stati detti slogan contro Salvini a più riprese dai gruppi di manifestanti durante il corteo.

Il ministro dell’Interno risponde ai manifestanti tramite Facebook, dove scrive: “Dovrebbe essere una manifestazione sulla “difesa del pianeta” ma i soliti “democratici” ora a Napoli, insultano i poliziotti e procedono al grido di “ODIO LA LEGA” e “LEGHISTA SEI IL PRIMO DELLA LISTA” … Mah”.

Il ministro Salvini ha raggiunto il Palazzo della Prefettura sito in piazza del Plebiscito due ore dopo gli scontri, entrando da un ingresso laterale. Davanti l’ingresso principale, infatti, i manifestanti hanno continuato la protesta intonando cori contro la Lega e contro lo stesso Salvini.

Il sindaco di Napoli Luigi de Magistris non si è presentato alla riunione del comitato provinciale; era impegnato, infatti, nella sede della Città metropolitana per un incontro, fissato da qualche tempo, con i sindaci del territorio. A rappresentare il Comune nell’incontro in prefettura lo ha sostituito quindi il capo di Gabinetto Attilio Auricchio.

Print Friendly, PDF & Email

more recommended stories