Napoli: giungerà un nuovo volto per la retroguardia? Sebbene alcune complicazioni, la partenza di Koulibaly è ormai alle porte, ma è già pronto Marcos Senesi, difensore argentino del Feyenoord

Napoli
Tic, toc, tic, toc: il tempo stringe, corre inesorabilmente e manca poco al taglio del nastro. Solo poche settimane sono distanti dal suono del gong, che decreterà la fine del calciomercato. I corteggiamenti non mancano, le offerte nemmeno: numerose sono state le big europee ad aver bussato alla porta azzurra per l’acquisto di Kalidou Koulibaly, difensore senegalese classe ’91, in forza ormai da tempo al Napoli.
Fino a qualche giorno fa, i Citizens di Guardiola erano prossimi all’acquisto di Kalidou, ma pare sia sorto qualche problemino di troppo: il Manchester City, infatti, si è dato una deadline per l’assalto al colosso senegalese. Circa 80 milioni di euro il prezzo fissato dal Napoli, per il centrale africano. Così la formazione di Pep avrebbe concretamente deciso di virare su altri due nomi: uno emerso con forze nelle ultime ore, cioè José Gimenez dell’Atletico Madrid. L’altro, invece, è Diego Carlos del Siviglia, fresco vincitore dell’edizione 2019/2020 di Europa League.
Il Manchester City, quindi, ha indietreggiato di qualche metro, ma non per questo Kalidou sembra essere intenzionato a restare all’ombra del Vesuvio. Ci sono altre pretendenti, non mancano le offerte: c’è il Paris Saint-Germain che, con il suo direttore sportivo Leonardo, ha inoltrato una proposta concreta a De Laurentiis.
Prezzo presentato? 52 milioni di euro per la parte fissa, in aggiunta 7 di bonus, per un totale di 59 milioni… un’offerta niente male per convincere il patron azzurro. Ma quest’ultimo sta facendo di tutto per resistere, in attesa e con l’augurio di un rilancio da parte dei Citizens. Un rilancio che, escludendo colpi di scena, non ci sarà: gli occhi di Pep sono rivolti in altre direzioni. ADL è fermo sulla sua richiesta, mentre il City non fa un passo verso il Napoli. Fra Koulibaly e PSG, però, il connubio sembra essere destinato a buon fine, anche perché ogni giorno in più che indossa la casacca azzurra, il valore del cartellino del difensore senegalese cala spropositatamente.
Qualora il Koulibaly dovesse veramente lasciare il San Paolo, l’imbarcazione dei partenopei dovrà affrontare una temibile tempesta, abbattente e devastante. Smarrimento, affanno e preoccupazione, sono i tre stati d’animo che stanno invadendo i cuori dei tifosi azzurri. Per anni il centrale azzurro è stato il cardine della retroguardia del Napoli e sostituirlo sarà un’impresa ardua. Ma niente paura, ADL non ha intenzione di farsi trovare impreparato ed è pronto ad investire il futuro tesoretto in nuove tessere per completare il puzzle di Gattuso. Sono numerosi i nomi accostati alla compagine partenopea per il post Koulibaly, ma in corsa davanti ai maratoneti ci sarebbe un calciatore argentino, predisposto a raccogliere una pesantissima eredità, tentando di seguire la scia e le orme, tracciate da giocatori del calibro di Ayala, Pineda e magari anche Campagnaro.
La scelta dei partenopei è quella di virare su un difensore del Feyenoord, in cima alla lista del ds Giuntoli. Quest’ultimo vuole affidare a mister Gattuso un centrale giovane e audace, capace di interpretare il ruolo di leader difensivo. La sua valutazione è di 25 milioni, ma si potrebbe patteggiare per giungere ad una cifra intorno ai 20. Avete capito di chi si tratta? Marcos Senesi, classe 97′ ormai da tempo sulla rampa di lancio, pronto a gettarsi in una nuova avventura.
Nato in Concordia, città della provincia di Entre Ríos, in Argentina, Marcos ha cominciato la sua carriera da professionista proprio nel suo paese natio, indossando la casacca del San Lorenzo. Per tre lunghi anni ha difeso i colori rossoblu dei “Cuervos“, ha guidato la difesa della compagine argentina, ottenendo grandi risultati. “El Nuevo Gasómetro“, l’impianto calcistico del San Lorenzo, è stato lo scenario perfetto per il giovane difensore, il quale, in questo triennio, ha sfoggiato tutte le proprie qualità.
Qualità che sono state sfruttate nel migliore dei modi, per mettersi in mostra e tentare di perfezionarsi non soltanto calcisticamente, ma per sperare di esibirsi anche sui palcoscenici europei. I dirigenti del Feyenoord si recano in terra argentina, scendono a patti con il San Lorenzo e sborsano 7 milioni per portare Senesi in Eredivisie. Fin da subito si è ambientato alla grande nel campionato olandese, la sua maturazione non si è fermata, anzi ha subito un incremento. Nonostante sia approdato a Rotterdam soltanto da un anno, potrebbe già essere arrivato il momento di guardare in altre direzioni e sognare di indossare la casacca di una vera big, magari il Napoli.
Ogni giorno che passa aumentano, comunque, le possibilità che Kalidou Koulibaly resti in Campania, anche se continua ad essere un difensore molto stimato e ambito a livello internazionale. Se il colosso senegalese dovesse realmente dire addio al Napoli, ci penserà Marcos Senesi ad interpretare il ruolo di leader difensivo: diventerà “cardinale“, come spiega Dante nel “De vulgari eloquentia” riguardo il volgare italiano, il quale deve essere comune o deve poter essere in comune tra tutti gli abitanti della penisola. Come la lingua sostenuta dal poeta fiorentino, così il difensore argentino si trasformerà nel fulcro della retroguardia azzurra, il perno comune, intorno al quale ruoterà tutta la squadra azzurra. In fin dei conti il Napoli, dopo la perdita di Albiol, ha disperatamente bisogno di un giocatore come Marcos.
Print Friendly, PDF & Email

more recommended stories