4shared
10.3 C
Napoli
domenica, 28 Novembre 2021

Napoli: Giorgio ferito mentre gira un video sul degrado in Galleria Umberto

Napoli, Giorgio ferito a bottigliate mentre gira un video sul degrado in Galleria Umberto

Da non perdere

Napoli: Aggredito a bottigliate per aver documentato il degrado della Galleria Umberto I. Vittima dell’aggressione, Giorgio Balodimos, 37enne residente della zona e, da anni, impegnato in prima a linea nel denunciare lo stato di abbandono in cui versa la storica opera monumentale. L aneddoto è accaduto la scorsa notte tra indifferenza e sgomento di qualche passante.

A Napoli: città di Giorgio, accade spesso di voler documentare situazioni di degrado per sollecitare l amministrazione comunale e gli addetti,  ma sicuramente non pensava, Giorgio,  la scorsa notte di essere ferito a bottigliate mentre gira un video con il suo cellulare sul degrado in Galleria Umberto.

Le sue parole su Facebook sono molto toccanti:

“Questo è il risultato per aver difeso la mia CITTÀ , la mia casa, il quartiere dove vivo.

A Napoli: ieri sera sono stato aggredito da Mustafa, un parcheggiatore abusivo, che opera nel quadrilatero del centro, che è un senza fissa dimora, con precedenti e molto probabilmente con un decreto di espulsione.

Dopo la partita ieri sera era ormai tardi verso 1:20 stavo andando a buttare la spazzatura, quando chi mi conosce, sa quanto odio il degrado che incombe nella città, mentre stavo filmando la situazione dello schifo che c’è all’interno della galleria Umberto I si è avvicinato il nostro caro Mustafa infastidito si avvicina a dirmi “tu nn puó fare vidii perché privacy”

Io gli dico quale privacy inizia la discussione che loro qui all’interno della galleria si comportano male incivilmente pisciando a terra e cagando e che si devono comportare meglio.

Lui simula di prendere qualcosa dalla tasca, facendomi credere di avere un arma o qualcosa per potermi intimorire, dato che non aveva nulla è corso a prendere una bottiglia da 66cl sul gomito spaccandosi e lacerandomi il gomito, forse, se fosse stata la testa?”

Incredulo e provato da ciò che ha passato, Giorgio chiede attenzione e giustizia,  sperando che arrivino provvedimenti il prima possibile.

image_pdfimage_print

Ultimi articoli