4shared
11.2 C
Napoli
lunedì, 29 Novembre 2021

Napoli, far west in via Botteghelle

Raid di camorra in via Botteghelle a San Giorgio. In due i killer che hanno aperto il fuoco contro un gruppo di persone fuori ad un bar in via Botteghelle. Ferito un cliente

Da non perdere

Domenico Papaccio
Laureato in lettere moderne presso l'Università degli studi di Napoli Federico II, parlante spagnolo e cultore di storia e arte. "Il giornalismo è il nostro oggi."

A Napoli si spara ancora. Un altro giorno in cui i conti tra clan della criminalità organizzata sono protagonisti. Tutto è avvenuto durante la scorsa notte, dopo l’una.

Secondo le prime ricostruzioni da parte del Nucleo Operativo della Polizia di San Giorgio a Cremano, obiettivo del raid erano degli uomini, intenti a consumare fuori un bar presso via Botteghelle, a San Giorgio a Cremano, nell’area a nord di Napoli, che secondo le forze dell’ordine sono vicini al clan Mazzarella.

Infatti, dalle prime ricostruzioni, emerge che uno delle persone presenti tra il gruppo persone, obiettivo del raid, fosse proprio il figlio di un elemento di spicco dell’omonimo clan, insieme ad un suo amico, anch’egli vicino ai Mazzarella.

I killer viaggiavano in sella ad una moto di grossa cilindrata, con volti coperti da caschi integrali, i quali nel buio della notte hanno sferrato colpi d’ arma da fuoco, secondo la balistica che è intervenuta sul luogo, si tratterebbe di una calibro 9×21, sette colpi -dato il numero dei bossoli rinvenuti dalla balistica.

I colpi sono stati scagliati proprio mentre gli uomini, obiettivi del raid, si rifugiavano all’interno del locale ristorativo presso cui stavano consumando.

Secondo le ricostruzioni, inoltre, uno dei due killer sarebbe sceso dalla moto, entrando nel bar alla ricerca dei suoi obiettivi, continuando a sparare, distruggendo gli interni del locale stesso.

Unico ferito del raid, un uomo presente nel bar come cliente, il quale è stato colpito dai frammenti di vetro di una finestra a causa degli spari scagliati dal killer entrato nel bar, ferendosi al collo ed alla testa, ricevendo sei punti di sutura Trasportato d’urgenza al pronto soccorso, l’uomo non sarebbe in pericolo di vita.

Intanto la Polizia ha dato il via alle indagini; infatti ormai la tensione tra i clan  presenti tra Barra, San Giovanni a Teduccio e San Giorgio a Cremano per il controllo dei traffici illeciti e del territorio è al collasso.

image_pdfimage_print

Ultimi articoli