10.3 C
Napoli
martedì, 29 Novembre 2022

Napoli: Chiara, la dottoressa aggredita con calci e pugni per un cellulare

L'appello alle istituzioni di Chiara Lanza Volpe, il giovane medico dell'Ospedale Vecchio Pellegrini di Napoli, brutalmente aggredito per un telefono cellulare

Da non perdere

Il ritorno a casa alcuni minuti dopo la mezzanotte, a conclusione di una settimana di duro lavoro in ospedale, per trascorrere finalmente una serata tra amici: ma proprio mentre Chiara Lanza Volpe, medico-chirurgo 32enne dell’ospedale Pellegrini di Napoli, era intenta ad inserire la chiave nella serratura per aprire il portone della propria abitazione in Via Duomo, è stata ferocemente aggredita per una rapina.

L’uomo che ha messo a segno la violenza si è scaraventato con pugni e calci contro la dottoressa di origini siciliane, scaraventandola a terra e picchiandola selvaggiamente al fine di prelevarle il telefono cellulare.

Chiara, il medico chirurgo aggredito: lo sfogo su Facebook

La dottoressa ha poi denunciato l’accaduto sfogandosi sul proprio profilo Facebook e facendo appello alle istituzioni:

“Vivo a Napoli da 5 anni e mezzo e nel giro di 5 giorni mi è accaduto l’impossibile, il mio appello si rivolge a chi ai piani alti controlla questa città. Ecco, questa città che io ho sempre amato, è diventata totalmente invivibile”.

“Premesso che qualche giorno fa sono stata derubata del mio cellulare che stava in borsa, stasera sotto casa sono stata aggredita, picchiata, presa a pugni, ho subito un’aggressione praticamente con le chiavi di casa in manoha scritto ancora nel post, la dottoressa Chiara Lanza Volpe ho reagito con calci e pugni.”

“Ho subito un’aggressione totalmente immotivata, mi hanno rubato il cellulare vecchio e mal funzionante, ma la cosa più agghiacciante è stata l’aggressione subita. I pugni che mi sono stati dati. La cattiveria con cui sono stata buttata a terra, presa a calci e strattonata.”

Il medico ha ricevuto soccorso da parte di alcuni militari che presiedevano la zona, impegnati nelle operazioni di Strade Sicure:

“Mi hanno aiutata e hanno chiamato la polizia che è arrivata dopo un po’ (totalmente impegnata per le continue aggressioni che stanno avvenendo a Napoli) ed io me la sono cavata con lacrime di rabbia, sgomento, tanta paura e lividi sparsi per il corpoha dichiarato, in aggiunta, il medico Sto bene, ma sono scossa e arrabbiata. […]”;

“Il mio appello si rivolge a chi ai piani alti controlla questa città. Io lavoro dalla mattina alla sera e dalla notte alla mattina successiva, e non mi fermo mai. Mi lascio libera una sera a settimana, per svagarmi, perché sono giovane e perché voglio almeno godermi qualche ora di giovialità, perché il lavoro è importante, ma sono convinta che almeno una sera a settimana bisogna distrarsi.

Ma, mi viene spontaneo da chiedere… perché investire in questa città e buttare sangue se mi risponde trattandomi male, aggredendomi, derubandomi e picchiandomi?”

image_pdfimage_print

Ultimi articoli