Napoli celebra Pino Daniele con attività e Concerti

A quattro anni dalla scomparsa di Pino Daniele, Napoli propone diversi eventi per celebrare l'artista partenopeo.

Napoli non dimentica la voce che maggiormente l’ha rappresentata, a quattro anni esatti dalla scomparsa di Pino Daniele la città si prepara a celebrarne la memoria.

Era il 4 Gennaio 2015, quando dall’ospedale S. Eugenio di Roma è giunta la notizia della dipartita del maestro della musica napoletana, lasciando fan e ammiratori in preda allo sconforto più totale.

A quattro anni da quella triste data Napoli ritrova l’entusiasmo sopito e la volontà di rendere merito alla memoria di Daniele e per farlo sceglie di elogiare la sua più grande passione con un concerto.

Per due giorni la città sarà animata dalle storiche canzoni del cantante partenopeo. A partecipare alle attività previste è il noto Caffè Gabrinus, dove si esibirà la cantante Rosaria Mallardo che riproporrà le il repertorio musicale di Daniele.

In occasione dell’evento il Gambrinus distribuirà ai presenti i “Pinucci” dei pasticcini creati in onore del cantante.
Non finisce qui l’estro creativo della città partenopea : un negozio di streetwear del centro distribuirà delle felpe gratuitamente ai primi quattro giovani sotto i vent’anni che si presenteranno in possesso di un disco di Daniele.

La chiusura delle attività è prevista intorno alle 21.30 con l’esibizione sul lungomare del cantante Jazz Vincenzo Danise. Il cantante jazz presenterà il concerto denominato “Pino Daniele, I still love you”.

Un ulteriore evento si è tenuto in data odierna ed ha coinvolto diversi gruppi di appassionati, i quali si sono dati appuntamento nei pressi della casa del cantautore napoletano, in via Santa Maria La Nova.

L’organizzazione dell’incontro è stata promossa dalla pagina Facebook Cresciuti a Pane e Pino Daniele.

In attesa del prossimo evento che si terrà il 19 Marzo ( giorno dell’onomastico e del compleanno di Pino Daniele) Napoli si attiva e rende omaggio ad un artista e ad un uomo che ne ha fatto la storia.

Print Friendly

LASCIA UN COMMENTO