25.7 C
Napoli
lunedì, 4 Luglio 2022

Napoli, 10 ore di lavoro per 280 euro al mese: la giovane si ribella all’offerta

Da non perdere

Anna Borriello
Scrivo per confrontarmi col mondo senza ipocrisie e per riflettere sul rapporto irriducibile che ci lega ad esso.

La napoletana Francesca Sebastiani, 22 anni, ha condiviso sul suo profilo Tiktok la storia di un’offerta di lavoro a Secondigliano sfumata per l’indecoroso compenso. La ragazza una volta ricevuta la proposta, però, non è rimasta in silenzio ed ha risposto a tono.

Il video è stato condiviso poi dal consigliere regionale Francesco Emilio Borrelli come esempio di sfruttamento nel Napoletano.

70 euro a settimana per un lavoro di 10 ore al giorno: Francesca sbotta e risponde a tono

La giovane mostra su Tiktok gli screen della sua conversazione per l’offerta di lavoro. Si trattava di un impiego come commessa in negozio di Secondigliano, a nord di Napoli. Presto le vengono fornite le specifiche riguardo l’impiego: “Da lunedì a venerdì 9-13.30. Il negozio apre alle 16, però alle 15-15.30 apriamo per le pulizie. Chiudiamo alle 20.30 a volte 21 Il sabato 9-20-30 orario continuato, se c’è molta gente chiudiamo alle 21“.

Francesca a quel punto chiede a quanto corrisponda il compenso per un lavoro di 10 ore al giorno e la risposta la lascia senza parole: 70 euro a settimana, 280 euro mensili. La giovane, quindi, risponde di non essere interessata. Il suo interlocutore però ci tiene, prima di chiudere la conversazione, a ribadire che i giovani non hanno voglia di lavorare”.

Così Francesca va su tutte le furie e sbotta: “Siete voi che non ci fate lavorare, perché non avresti mai accettato per 70 euro a settimana. E ad un figlio non avresti mai detto di accettare“. Poi conclude: “Penso di essere anche io una persona, posso vivere come gli altri?“.

image_pdfimage_print

Ultimi articoli