11.7 C
Napoli
domenica, 27 Novembre 2022

Murlo, una decisione col cuore

L'amministrazione di Murlo ha fatto una scelta esemplare.

Da non perdere

Marcella Madarohttp://marcellamadaro.wordpress.com
47 anni, nata a Taranto, vive in Toscana nella provincia di Siena. Promoter . Amo leggere e cucinare.

La giunta comunale di Murlo, cittadina della provincia di Siena, ha deciso di mettere la sua popolazione al primo posto. E’stata votata infatti una misura che renderà l’asilo  Nido comunale  “La Favola” più economico, che andrà a tutto beneficio per le famiglie con figli. I fondi statali che sono stati stanziati, verranno messi a disposizione  per l’educazione e l’istruzione dei bambini fino a sei anni.

Ammontano a circa 7000 euro i fondi assegnati al comune di Murlo e saranno destinati all’abbattimento delle rette dell’asilo comunale “La Favola” nell’anno 2018. Ma non è tutto, saranno utilizzati anche per le agevolazione sui servizi mensa, autobus delle scuole materne, elementari, medie e l’esenzione o riduzione dei pagamenti in rapporto al reddito ISEE.

Un amministrazione che si distingue quindi nel dare attenzione e importanza ai problemi dei cittadini e dovrebbe essere di esempio per le altre amministrazioni.

21_secolo_marcellamadaro

“Offrire le migliori opportunità alle famiglie della nostra città – dichiara il sindaco di Murlo Fabiola Parenti – rappresenta l’obbiettivo principale della nostra amministrazione. L’asilo nido, La Favola, rappresenta un fiore all’occhiello sia come struttura sia come programma educativo, che mira a sviluppare la crescita del bambino attraverso la scoperta del mondo con curiosità e gioco. Di questo non possiamo che ringraziare le operatrici che gestiscono la nostra struttura per la professionalità dimostrata ogni giorno e anche i genitori per la vicinanza e la collaborazione nelle attività del Nido. Abbiamo pensato di destinare le risorse, cui la nostra città ha beneficiato, all’abbattimento delle rette perché siamo certi che con questa modalità riusciremo a soddisfare le esigenze di più famiglie.”

image_pdfimage_print

Ultimi articoli