Russia 2018 vincono, Brasile, Svizzera e Nigeria

Ok
Mondiali Russia 2018

Un mondiale  ricco di sorprese,  in una  giornata che ha regalato spunti interessanti per gli appassionati di calcio. Il Brasile infatti riesce ad avere la meglio con il Costa Rica, imponendosi 2 a 0, seppur realizzando le due reti nel recupero. Super prestazione invece della Svizzera di Petkovic, che nonostante fosse passata in svantaggio, dopo appena 5 minuti in una partita bellissima e intensa, ha saputo dapprima rimontare e al novantesimo, realizzare la rete del definitivo vantaggio contro la Serbia. La Nigeria fa un unico boccone a sua volta dell’Islanda vincendo 2 a 0 ponendosi come seria candidata,  per il passaggio al turno successivo.

A San Pietroburgo un Brasile svogliato è riuscito ad avere la meglio solo nel recupero della Cenerentola Costa Rica, grazie alle reti segnati da Coutinho, e Neymar imponendosi così per 2 a 0. Centro americani più pericolosi nel corso del primo tempo, con un tentativo firmato da Borges, che sfiora il palo alla destra di Gabriel Jesus. i verdeoro  cercano di imporre il proprio gioco e colpiscono una traversa con Gabriel Jesus. Nella ripresa è il portiere  Navas che sale sugli scudi con alcune belle parate, su Neymar prima e Coutinho dopo, riescendo a salvare la iinviolabilità  della propria porta. Al 91esimo però, quando i giochi sembrano fatti,  Coutinho su servizio di Marcelo, realizza la rete del tanto sospirato 1 a 0. Nell’extra time assegnato dall’arbitro, arriva il raddoppio poi siglato da Neymar, che consente alla selecao di ipotecare seriamente il passaggio agli ottavi.

Neymar e Coutinho la coppia d'oro del Brasile
Neymar e Coutinho la coppia d’oro del Brasile

A kaliningrad partita densa di colpi di scena tra la Serbia e la Svizzera, con tanto di retrogusto politico per le origini Kosovare di alcuni giocatori svizzeri.  Mitrovic apre subito le marcature al 5′ realizzando la  rete del momentaneo vantaggio per gli slavi. La Svizzera però non resta a guardare e appare in palla,  concludendo il primo tempo con un’occasione sprecata da Dzemaili che per poco non porta al pareggio, lex Napoli Infatti solo davanti alla porta appoggia debole consentendo l’intervento del portiere che devia in angolo. Dopo i primi 45 minuti si registra un 61% di possesso palla a favore degli elvetici, segno tangibile della loro superiorità fisica. Nella ripresa è ancora Svizzera con Xhaka che al 52esimo, su un’azione con una precedente parata del portiere slavo, con un tiro bellissimo di sinistro dal limite, insacca alla sinistra di Stojkovic che nulla può sulla conclusione. La Serbia cerca di contrattaccare, ma il pallino del gioco rimane nelle mani degli Svizzeri, che in più occasioni su contropiede sfiorano la rete del 2 a 1. La partita, sembra avviarsi alla conclusione sul risultato del pareggio ma al novantesimo Shaqiri, si invola in contropiede e  fulmine Stojkovic, realizzando il gol del 2 a 1 e scatenando il tripudio dei propri tifosi sugli spalti. La Serbia sebbene tecnicamente maggiormente dotata rispetto gli elvetici, paga la migliore organizzazione in campo di questi,  a cui va il merito di essere stati squadra vera e di avere seguito le indicazioni del mister Petkovic che ha impostato non solo una partita sulla difensiva, ma memore degli insegnamenti appresi nei suoi trascorsi come allenatore nel campionato italiano, alla guida della Lazio è stato capace di ribaltare il pronostico che vedeva gli elvetici almeno sulla carta sfavoriti.

Shaqiri match Winner della partita
Shaquiri match Winner della partita

Il vero e proprio miracolo della giornata,  lo compie però la Nigeria ai danni dell’Islanda vincendo per 2 a 0 e lasciando in tal modo la porta aperta all’argentina, che conta sull’ultima partita, proprio contro gli africani, di riuscire a portare a casa il passaggio del turno, in una gara che si preannuncia appassionante è interessantissima, che si disputerà martedì sera. Alla Nigeria dal canto suo basterà anche il solo pareggio. La partita comunque vede sugli scudi il nigeriano Musa, autore di una doppietta. Il primo gol bellissimo al quarantanovesimo con stop e tiro a volo su assist di Mose. Al settantacinquesimo invece in contropiede il 2 a 0. Si registra per l’Islanda un calcio di rigore, concesso grazie alla consultazione con il Var, ma sbagliato da Sigurdsson che calcia alto al 83esimo.

Il nigeriano Musa che ha regalato la vittoria alla squadra africana

 

Print Friendly, PDF & Email

more recommended stories

Pin It on Pinterest