11.5 C
Napoli
sabato, 4 Febbraio 2023

Melito:evade dai domiciliari e tenta di rubare un’auto

Da non perdere

La scorsa notte, gli agenti della Polizia di Stato dell’Ufficio Prevenzione Generale hanno arrestato Giuseppe Marino, un 28enne di Melito, comune a nord del capoluogo. L’accusa è quella di detenzione di sostanze stupefacenti ai fini dello spaccio, e inoltre l’uomo è stato denunciato per evasione dagli arresti domiciliari e tentata rapina.

I fatti si sono svolti alle ore 23,30 della giornata di ieri, l’uomo insieme ad un complice aveva cercato di rubare un’automobile in via Orazio a Napoli, ma dopo essere stato scoperto dal proprietario, lo ha minacciato con un coltello ed è poi riuscito a fuggire a bordo di un’autovettura di cui era stato notato il numero di targa. Quindi grazie a questo particolare, i poliziotti sono riusciti ad identificarlo ed a scoprire che era sottoposto agli arresti domiciliari per una violazione sulla normativa dello spaccio di sostanze stupefacenti.

I militari si sono poi recati nella sua abitazione a Melito, per poterlo arrestare. Ma dopo aver bussato al campanello, l’uomo ha prima gettato un sacchetto nero e poi ha aperto la porta. I poliziotti  lo hanno prontamente raccolto, trovandovi al suo interno ben 1592 cilindretti di plastica al cui interno contenevano 1700 grammi di cocaina.

Il colpevole è stato immediatamente arrestato e sarà giudicato con rito direttissimo presso il tribunale di Napoli Nord.

Nella giornata di oggi, Melito è stato oggetto anche di un altro fatto di cronaca però avvenuto a Casoria. I Carabinieri del nucleo operativo di Santa Maria Capua Vetere hanno arrestato -all’interno del parcheggio di un supermercato a Casoria in via Indipendenza- Vincenzo D’Urso, 64 anni di Melito, in flagranza del reato di tentata estorsione. L’arresto è avvenuto grazie alla collaborazione con il personale della locale stazione dei Carabinieri, ed in seguito alla denuncia presentata dalla vittima per il cosiddetto “cavallo di ritorno” da parte di alcune persone non identificate, con lo scopo di ottenere la somma di 1.400,00 euro per la restituzione dell’autofurgone di proprietà della vittima, il cui furto è avvenuto il 13 gennaio a Santa Maria Capua Vetere.

image_pdfimage_print

Ultimi articoli