Maxi Sequestro allo svincolo autostradale di Roma

La Guardia di Finanza di Napoli ha sequestrato 2.200 banconote contraffatte per un valore complessivo di quasi 70.000 euro. Il denaro era occultato in una Fiat Multipla.

21_secolo_sequestro
sequestro

by0x4cfo5680-kwyc-u10602241051976nye-700x394lastampa-itLa Guardia di Finanza di Napoli ha sequestrato 2.200 banconote contraffatte per un valore complessivo di quasi 70.000 euro, raggruppate in mazzette del taglio di 20 e 50 euro. Il denaro era occultato in una Fiat Multipla a bordo della quale c’erano due italiani, un sardo e un calabrese, provenienti dal Nord Italia.

L’atteggiamento sospetto dei due, ha suscitato l’interesse de Le Fiamme Gialle del Comando Provinciale partenopeo, che durante il pattugliamento hanno rinvenuto cinque  mazzette di euro falsi, fresche di stampa,  ancora avvolte in cellophane. Banconote di pregevole fattura che avrebbero – una volta messe in circolazione – ingannato anche il detentore più esperto.

L’approfondita ispezione ha permesso inoltre di rinvenire anche cinque banconote in valuta estera, del taglio da 100 dollari americani, da 5 e 50.000 leu rumeni e da 20 cedi ghanesi, altrettanto di pregevole fattura. I responsabili sono stati sono stati denunciati a piede libero alla locale Procura della Repubblica.

Già lo scorso 13 Novembre il  Nucleo di polizia tributaria della Guardia di finanza di Napoli e il Nucleo speciale polizia valutaria della Guardia di finanza di Roma eseguirono un provvedimento di misure cautelari personali nei confronti di tredici persone, di cui otto finite agli arresti domiciliari, e tre sottoposte all’ obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria e due da divieti di dimora. Ritenute  responsabili  tra l’altro, di associazione per delinquere finalizzata alla produzione e alla commercializzazione di banconote contraffatte.
Nei  prossimi  giorni saranno  effettuati altri approfondimenti da parte degli investigatori in modo da  stabilire le sorgenti della rete di falsificazioni, che pare negli ultimi tempi  si stiano diramando da più regioni italiane.

 

 

 

Print Friendly

LASCIA UN COMMENTO