23.8 C
Napoli
giovedì, 26 Maggio 2022

Massimo Ranieri: lacrime e commozione ricordando i genitori

Il cantante si commuove nel salotto della domenica

Da non perdere

Siamo abituati a vedere Massimo Ranieri nella veste brillante delle sue esibizioni.

Di certo Massimo non ha mai risparmiato al suo pubblico il racconto delle vicende della sua vita, tanto da diventare anche oggetto di parodie da parte di alcuni comici parteopei.

La sua storia personale è però strettamente legata a quella professionale, ed è grazie ad essa se oggi riesce ad essere l’immenso artista che è senza aver in alcun modo perso la sua umanità e il suo attaccamento alle radici e alla famiglia.

Oggi Massimo Ranieri seduto sulla poltron della domenica, quella bianca di Domenica In per intenderci, racconta a Mara Venier le difficoltà di unavita senza genitori.

Queste le parole con cui ha raccontato a Mara e ai tanti Italiani che seguono la trasmissione ogni domenica pomeriggio il suo dolore immenso per la perdita dei suoi amatissimi genitori: “Non si può capire la mancanza di questi pilastri quando vanno via. Poi ti porti appresso questo senso di colpa, quando vengono a mancare ti manca la terra sotto i piedi, ti manca l’appoggio. Mi mancano tanto. La vita è vuota senza di loro, manca il respiro. Quando ci sono non gli diamo la giusta importanza”.

Non sono mancate a questo punto le lacrime, certi dolori ‘altra parte non si superano mai, lo sa bene anche la Venier che legatissima alla sua compianta mamma ancora oggi crea un legame di profonda empatia con i suoi ospiti quando si lanciano nel racconto del dolore delle loro perdite.

Ranieri da parte sua non ha ai fatto mistero delle condizioni economiche della sua famiglia che lo hanno portato a lavorare ad un’età che oggi diremmo da sfruttamento di minori.

Ricorda però cn parole d’affetto suo padre del quale dice:”La mia grande fortuna è stato avere mio padre accanto, mi ha tenuto sempre con i piedi per terra. E’ stato il mio primo ammiratore. Aveva questo animo nobilissimo, di una dolcezza infinita. Quando era al riformatorio suonava la tromba, infatti ha fatto un disco con me”.

I toni della conversazione hanno ripreso poi sentieri più distesi e gioiosi e Massimo ha raccontato del suo ritorno sul palco dell’Ariston, siamo certi che ci regalerà un altro meraviglioso successo.

image_pdfimage_print

Ultimi articoli