venerdì 12 Luglio, 2024
31.5 C
Napoli

Articoli Recenti

spot_img

Mariachiara muore di overdose a 18 anni

Mariachiara muore di overdose a 18 anni. La ragazza di Amelia (Terni) decide di provare – per la prima volta – la droga, in occasione del proprio compleanno; la mattina successiva all’assunzione dell’eroina, viene trovata senza vita dal fidanzato Francesco Gnucci. Il giovane, attualmente, è indagato per omissione di soccorso e omicidio preterintenzionale. Intanto la Procura tenta di far luce sulla versione da lui fornita, siccome sono inspiegabilmente trascorse due ore tra la morte di Mariachiara e l’arrivo dei soccorsi.

Francesco chiarisce che la droga era un regalo richiesto dalla stessa Mariachiara Previtali e fornisce ulteriori dettagli utili alla ricostruzione dell’accaduto. Pare, dunque, che i due fidanzati abbiano preso un treno per arrivare alla stazione di Attigliano, venerdì mattina, e raggiungere successivamente il luogo dello spaccio. Lì si sarebbero iniettati l’eroina, per poi rientrare in provincia di Terni. Mariachiara, poi, avrebbe raggiunto le sue amiche per un aperitivo e, infine, sarebbe tornata da Francesco Gnucci, per trascorrere la notte della vigilia del compleanno insieme  a lui.

Gnucci racconta di essersi svegliato all’alba, di averla trovata bianca e, dunque, priva di vita. Sostiene di aver inizialmente provato a rianimarla invano (spostandola in bagno, provando a chiamare un’amica…) e di aver, dunque, chiamato i soccorsi (rimproverandosi di non averlo fatto prima). Il procuratore capo di Terni, Alberto Liguori, ha assicurato che faranno di tutto per ricostruire la vicenda e rendere giustizia (individuando gli spacciatori).

I due ragazzi, Mariachiara e Francesco, si erano conosciuti qualche mese fa e avevano iniziato, in breve tempo, la loro relazione che – da quanto si può capire – non era vista “di buon occhio” dalle persone più care alla giovane donna. Lei descritta come una ragazza solare e socievole, studentessa modello e campionessa di Arti Marziali. Lui un ragazzo chiaramente problematico: tossicodipendente, appartenente alla comunità terapeutica “Incontro di Amelia, della quale il padre di Mariachiara è dirigente.