Marco alla moglie Assunta

Ammore etierne

Uocchie comme ‘a primma vote

‘a zennarielle aspettavene parole doce,

nascoste dint’ ‘a pelle

luccicane e allummane ancore;

‘a vocche ‘e rose

‘nzerrate pe’ ll’orgoglie

annascunnevene ‘ o core ca’ scuppiave adinte,

e mmane dinte ‘e mmane

se’ turmentavene e se turcevene

‘o stommeche, ‘a panze, ‘e cosce

‘e carne e ll’aneme

tremmave tutte cose…

ma che ammore è chisto?

È ammore da’ primma vote

ca te’ saglie indo’ ‘o sanghe,

pe’ cervelle e se fa pesante,

t’attacche ‘e nerve o liggiero

cchiù do’ viento,

e t’accumpagne tutte ‘e ghiorne,

è chillu ca’ saccio io e pure tu,

è chillu ca’ se’ chiamme cumme nuje,

ca’ sta cu’ te tutte ‘e mumente,

è ammore…

ammore etierne.

                                                                              di Marco Fiore

Print Friendly

LASCIA UN COMMENTO