32.1 C
Napoli
venerdì, 27 Maggio 2022

Maradona papà: il sangue non è acqua

Da non perdere

Si dice che ‘Il sangue non è acqua‘ e, seppure tante volte sembri il netto contrario, possiamo comunque affermare che, di base, una traccia di realtà in questa frase ci sia.

Ciò che può confermarlo, è quanto è stato riportato negli ultimi giorni da Jana Maradona che, via radio, ha ricostruito e descritto le emozioni provate durante il tanto atteso incontro col padre Diego Armando Maradona avvenuto circa sei mesi fa.

Jana Maradona
Jana Maradona

La diciannovenne, nata nel 1995 da una relazione tra il famosissimo calciatore con l’argentina Valeria Sabalain, è stata per molto tempo coinvolta in una lotta legale con il padre che non l’aveva mai né riconosciuta né, tantomeno, incontrata.

La sofferenza per questi dinieghi è stata sicuramente tanta ma, nonostante tutto, la ragazza non si è mai arresa ed infatti, chi si impegna e si ingegna non resta mai male, tanto che con una sentenza del 2007, è riuscita ad ottenere, almeno questo, il tanto sospirato cognome da portare a mò di medaglia da campione mondiale.

Quello che però le mancava era, sicuramente, la presenza e l’affetto del padre.

Tutto questo però, come confermato da lei, è stato superato e dimenticato perché si sono incontrati ed amati da subito, ecco come ha descritto quel momento: “Mi ha guardato negli occhi e si è messo a piangere chiedendomi perdono. Poi ci siamo abbracciati per la prima volta. Gli ho chiesto se fossi sua figlia e lui, con le lacrime agli occhi, mi ha risposto che era evidente perché sono la sua fotocopia. Abbiamo pianto insieme ed è stato un momento indimenticabile, bellissimo, che ho atteso per anni. Non provo nessun rancore, l’importante è solo poter dire di avere un padre”.

Non è una cosa tenerissima? Non sono parole di chi ha desiderato quest’incontro per tutta la vita? Io credo proprio di sì, calcolando inoltre che la ragazza sembra abbia rifiutato un aiuto economico del padre perché disinteressata dei suoi soldi, vuole solo l’affetto che le spetta di diritto. Continuerà, quindi, gli studi di ingegneria con le sue forze.

Essere genitori è difficile e, tante volte, si è presi da altro. Cosa ingiustissima, ovvio, l’importante però è ricredersi e riconquistare l’amore della prole.

Adesso, caro Diego, ci aspettiamo un altro gesto simile verso Diego jr che, certamente, si aspetterà lo stesso trattamento.

image_pdfimage_print

Ultimi articoli