19.4 C
Napoli
lunedì, 26 Settembre 2022

Madonna e le “apparizioni” che hanno cambiato la storia della musica pop

Da non perdere

Giuseppe Musella
Collaboratore XXI Secolo.

Ogni apparizione è un evento da registrare negli annali, dall’apparizione della Madonna di Fatima fino all’apparizione della Madonna Ciccone in Like a prayer. Madonna Louise Veronica Ciccone ha segnato lo stile degli ultimi decenni con i suoi look, eppure si è imposta al clamore del pubblico esibendosi nuda. Erano gli anni ’90 quando, smessi i panni da sposa di like a virgin, Madonna pubblicava “Sex”, libro fotografico firmato da Steven Meisel, divenuto la chiave di volta di una carriera dove l’immagine si è fusa indissolubilmente con la produzione musicale.

Sono il mio personale esperimento. Sono la mia personale opera d’arte.

Madonna

Lei arte come è arte la Zuppa di Andy Warhol, come la ruota di Duchamp. Lei è quell’arte eccessiva che molti pur di non accreditarle meriti artistici, pur di limitarsi negli schemi “dell’alta cultura” l’additano come del semplice e becero trash. Madonna è un movimento artistico. Lei è una corrente letteraria, lei è un esperimento sociale; da cantante trasgressiva e sexy, a star blasfema e sadomaso a eccentrica e sofisticata cantautrice, senza tralasciare l’immagine di pop star. Lei è una di quelle che pur ammettendo e conoscendo i limiti della sua vocalità non ha rinunciato ad un assolo di successo, lei è quella che insinuando una fellatio in un testo e mettendo qualche simbolo religioso in un video è riuscita ad imporsi come donna di spettacolo.

Lei è l’arte della vendita e del mettersi in vendita, lei è arte perché è mutevole anche se resta fedele al suo linguaggio e forse lei è molto più artista di tanti “artisti concettuali”; lei è Madonna perché ha saputo sfruttare il lato bigotto e conservatore dell’opinione pubblica, lei è riuscita ad insinuarsi in una cultura sessualmente scandalizzabile. In perfetta simbiosi con il suo tour mondiale del 2004 “Re-Invention” Madonna Ciccone si conferma il camaleonte della cultura pop. Le sue rinascite vanno dai look sexy androgino di “Erotica” a quello sofisticato e ricercato del musical “Evita”. Affamata di sperimentazione e di rivoluzionare la propria immagine ha legato alcuni marchi al suo nome, dai scandalosi reggiseni a punta di Jean Paul Gaultier, ai look anni 2000 di Dolce & Gabbana ai look sexy chic di Versace. La sua arte è quella di restare riconoscibile anche tra immagini mutevoli, pose architettoniche lei è arte, lei è potere.

Non è la più forte delle specie che sopravvive, né la più intelligente, ma quella più reattiva ai cambiamenti.

Darwin

E chi, più di Madonna, è riuscita ad anticipare e cambiare l’immagine della musica pop degli ultimi decenni?

image_pdfimage_print

Ultimi articoli