4shared
15.4 C
Napoli
sabato, 15 Maggio 2021

Maddie McCann: il pedofilo sospettato del rapimento è indagato per stupro

Christian Bruekner, il principale sospettato del rapimento di Madeline McCann, è indagato per stupro. La bambina inglese, scomparsa nel 2007 da Praia da Luz, non è stata ritrovata.

Da non perdere

Un nuovo caso coinvolge Christian Bruekner. L’uomo, accusato di aver rapito la bambina inglese Maddie McCann, è indagato per un caso di stupro avvenuto nei pressi della località portoghese dove era scomparsa la bambina. Il 3 maggio del 2007 Madeline, che all’epoca aveva 3 anni, sparì dalla casa che i suoi genitori avevano affittato a Praia da Luz, in Portogallo. La località, situata nella regione di Algarve, dista circa 30 kilometri dal luogo in cui, tre anni prima, si verificò questo nuovo caso di abuso.

Attualmente il cittadino tedesco si trova in carcere per lo stupro della guida irlandese Hazel Behan; quest’ultimo è avvenuto nel suo appartamento a Praia da Roha. Inoltre, a breve Bruekner sarà incriminato per lo stupro di una cittadina americana di 72 anni, accaduto nel 2005. Nel corso degli anni l’uomo si è reso protagonista di svariati abusi e, secondo le ricostruzioni della polizia tedesca, sarebbe l’indiziato numero uno nel caso di Madeline McCann.

Maddie McCann, i possibili sviluppi del caso

Il procuratore Hans Christian Wolters ha rilasciato delle dichiarazioni al Sunday Times, secondo le quali le indagini contro Bruekner stanno avanzando e che, probabilmente, nei prossimi mesi sarà incriminato. Wolters ha spiegato che ci sono delle similitudini tra il caso di Behan e il rapimento e l’omicidio di Maddie McCann. In particolare, Bruekner ha precedenti per effrazione che sarebbero compatibili con il caso di Maddie.

Hazel Behan ha chiesto alla polizia di riaprire il suo caso dopo aver notato diverse comunanze con quello della donna americana 72enne. Quest’ultimo episodio di violenza era stato operato da un uomo col volto coperto che, dopo essersi introdotto in un’abitazione, aveva abusato della proprietaria per 5 ore, minacciandola con un coltello.

Il caso è stato riaperto lo scorso settembre, ma un primo esame del DNA ha dato esito negativo. Non è chiaro quale sia il nuovo elemento che potrebbe portare all’incriminazione di Bruekner. L’uomo ha vissuto in Algarve dal 1995 al 2007; in questa regione ha commesso vari reati, tra i quali effrazioni e furti. Nonostante i precedenti per abusi sessuali, al momento non ci sono abbastanza prove per incriminarlo per il caso di Maddie.

Intanto, nel Regno Unito, il caso resta aperto, una famiglia cerca giustizia. Restiamo in attesa di ulteriori aggiornamenti.

image_pdfimage_print

Ultimi articoli