10.7 C
Napoli
martedì, 31 Gennaio 2023

Luigi Di Maio a Salvini NO alle ammucchiate

Una linea chiara quella dettata da Luigi Di Maio candidato premier del Movimento cinque stelle; occore un governo che sappia dare stabilità al Paese, senza ammucchiate o inciuci. Saldo il NO a Berlusconi

Da non perdere

Dopo un incontro a Ivrea tra il leader pentastellato Luigi Di Maio, Casaleggio e il garante del movimento, Beppe Grillo, Luigi Di Magio riprende il suo tour e dichiara a Salvini: “Vedo che la Lega ha promesso il cambiamento, ma preferisce tenersi stretto Berlusconi e condannarsi all’irrilevanza. Adesso per completare l’opera, consiglio a Salvini di chiedere l’incarico di Governo al Presidente Mattarella e di dimostrare come possa governare con il 37%. Da noi la grande ammucchiata non avrà un solo voto” – dichiara il leader del movimento, candidato premier.

La linea del movimento cinque stelle è apparsa sin da subito chiara. Infatti, il capogruppo del movimento stesso, in visita al Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, chiamato a decidere a chi affidare il governo dell’Italia, ha rilevato quanto forte senta la responsabilità di essere la prima forza politica del paese, e di voler quindi assicurare un governo in tempi rapidi, un governo che sia però di cambiamento.

Dunque l’apertura del movimento, è verso qualsiasi gruppo politico o partito che voglia governare l’Italia in nome dell’onestà e del bene comune. Ovviamente, l’accordo sarebbe scontato farlo con la Lega, ma il leader pentastellato, avverte Matteo Salvini, che non potrà esserci dialogo con Berlusconi in campo, poiché il cambiamento non può partire da lì.

“Non è un governo di cambiamento che immaginiamo quello che chiede Salvini, cioè un governo ammucchiata con dentro Meloni, Salvini, Berlusconi e il M5s – aggiunge durante una diretta Fb . Questa è la sua idea, non può essere la nostra. Se stanno immaginando questo film per noi, non esiste perché il nostro obiettivo è mandare avanti le lancette, non mandarle indietro”.

Luigi Di Maio inoltre precisa che non sono per ora previsti incontri con Matteo Salvini o con Maurizio Martina, essendo la loro proposta essenzialmente chiara. Prerogativa del Movimento cinque stelle è il governo del Paese, un governo che sappia dare risultati concreti e soprattutto spazio a chi necessita di aiuto, senza ammucchiate o inciuci.

image_pdfimage_print

Ultimi articoli