4shared
9.6 C
Napoli
giovedì, 20 Gennaio 2022

Lo studio europeo sui viaggi in solitaria in macchina

Cosa c'è di meglio per l'ambiente quando si tratta di viaggio? Scopriamolo!

Da non perdere

Un nuovo studio dell’UE sull’impatto ambientale dei modi di trasporto ha rilevato che un viaggio solitario in un’auto a benzina o diesel può rilasciare più emissioni per passeggero rispetto a un volo intra-UE .

“Gli impatti delle emissioni dell’aviazione sono invariabilmente più elevati su base passeggero-chilometro” rispetto alla ferrovia, ha rilevato il rapporto, prodotto dall’Agenzia europea dell’ambiente (AEA), un organismo dell’UE.

Tuttavia, volare non è necessariamente la scelta più dannosa. Questo ruolo è spesso assunto dalle auto convenzionali, se si assume un’occupazione singola ”, aggiunge.

Ecco cosa afferma lo studio dell’Agenzia europea dell’ambiente

Mentre i veicoli con un solo occupante sono risultati la modalità di trasporto più inquinante per oltre 500 km, lo stesso viaggio in auto con più passeggeri ha ridotto le emissioni per persona al di sotto di quelle del viaggio aereo.

In effetti, i livelli di occupazione erano il fattore “singolo più importante” nel giudicare il danno ambientale.

Se un treno, un aereo o un’auto è quasi vuoto o pieno all’80% fa una grande differenza per il risultato. Questo fattore da solo può fare di un modo di trasporto la scelta migliore o peggiore per l’ambiente ”, afferma il rapporto.

L’AEA ha prodotto lo studio per aiutare i responsabili delle decisioni ad attuare politiche di trasporto che contribuiscano al raggiungimento degli obiettivi del Green Deal europeo.

Il viaggio in treno è stato dichiarato il modo di trasporto più rispettoso dell’ambiente a parte le opzioni di mobilità “morbida” come camminare e andare in bicicletta.

Il rapporto conclude che il trasferimento dei passeggeri dal viaggio aereo a quello ferroviario svolgerà “un ruolo chiave” nel raggiungimento dell’obiettivo dell’UE di ridurre le emissioni dei trasporti del 90% rispetto ai livelli del 1990.

Secondo gli autori, c’è già una maggiore consapevolezza dei “problemi ambientali e climatici causati dal trasporto aereo”, portando gli europei a riconsiderare le proprie decisioni di viaggio.

La pandemia COVID-19 ha visto diminuire drasticamente le tariffe di viaggio, ma prima dello scoppio la domanda di trasporto passeggeri era in aumento in tutta Europa.

Attualmente, i trasporti rappresentano un quarto di tutte le emissioni all’interno dell’UE. Il trasporto su strada è responsabile del 72% delle emissioni del settore, mentre il trasporto marittimo e il trasporto aereo rappresentano rispettivamente il 14% e il 13% delle emissioni.

La quota di Rail è solo dello 0,4%, le scarse emissioni prodotte dai treni diesel.

Non tutti i risultati sono stati positivi per la ferrovia, tuttavia, con il rapporto che mostra che la ferrovia ad alta velocità a lunga distanza produce un inquinamento acustico paragonabile o superiore al viaggio aereo.

image_pdfimage_print

Ultimi articoli