4shared
24 C
Napoli
domenica, 25 Luglio 2021

L’Italia ha uno dei tassi di occupazione giovanile più bassi

Il tasso di occupazione giovanile è tra i più bassi nel resto d’Europa, sono necessarie misure mirate con la collaborazione delle istituzioni di governo

Da non perdere

L’Italia ha uno dei tassi di disoccupazione giovanile più alto.

Il tasso di disoccupazione giovanile in Italia è salito ulteriormente da un livello già molto alto di 28,7%, raggiungendo il 33,8% nel gennaio 2021″: è quanto si legge nella scheda dedicata all’Italia delle Prospettive occupazionali dell’Ocse, presentate oggi a Parigi.

A febbraio 2021 c’erano ancora 945 mila occupati in meno rispetto all’anno precedente, secondo l’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico, il tasso di disoccupazione è aumentato al 10,5% a maggio di quest’anno, dal 9,5% cui si attestava prima della crisi Covid.

“L’Italia è uno dei pochi paesi in cui il tasso di disoccupazione giovanile è rimasto vicino al suo livello massimo per tutta la primavera del 2021. A livello Ocse, invece, il tasso di disoccupazione giovanile è aumentato dall’11,4% fino ad un picco del 19%, raggiunto già nell’aprile 2020, per poi scendere al 15% ad aprile 2021”- dichiara l’ente parigino.

I dati degli anni precedenti rivelano che: nel 2020, il 66.6 % dei giovani laureati tra i 25 e i 34 anni aveva un impiego lavorativo, con un tasso di disoccupazione dell’11.3%. L’88% degli stessi trova un impiego entro 5 anni dal conseguimento del titolo con una retribuzione di 1500 euro e una età media di 26 anni. Spaventano i NEET, i giovani tra i 15 e i 34 anni non occupati e iscritti a nessun percorso di studi, che si attestano al 25.1 %, con un aumento vertiginoso rispetto al 2019 (+1.3%).

I giovani sono stati particolarmente colpiti dalle devastazioni della crisi” legate al Coronavirus.
“Le ore lavorate dai giovani sono diminuite di oltre il 26%, quasi il doppio della caduta osservata tra adulti e anziani (15%)”.

L’Ocse sottolinea che molti giovani impiegati in settori duramente colpiti e con contratti di lavoro precari, hanno perso il lavoro, mentre quelli che stavano per accedere al mercato del lavoro hanno faticato a trovare lavoro in un contesto di posti molto limitati.

Di conseguenza, il tasso di persone senza lavoro, istruzione o formazione (neet) è aumentato dall’inizio della pandemia.

Secondo il documento ‘Employment Outlook’ dell’Ocse, la ripresa dei livelli occupazionali pre-pandemia non sarà raggiunta entro il 2022. Il Coronavirus ha accentuato le divisioni economiche e sociali, tuttavia la portata senza precedenti del sostegno statale per rilanciare e rinvigorire le nostre economie è un fonte di speranza

Quindi l’appello ai governi e ad approfittare di questo momento storico per contribuire all’avvento di un “lavoro più inclusivo per tutti”.

Il segretario generale dell’Ocse, Mathias Cormann ha dichiarato poi- “ è cruciale attuare un quadro d’azione volto ad incoraggiare l’investimento delle aziende e la creazione di posti di lavoro, ma anche favorire le necessarie evoluzioni in termini di aumento delle competenze, conversione e adeguamento tra competenze e posti di lavoro disponibili, per fare in modo che ognuno abbia la possibilità di partecipare alla ripresa dell’economia e trarne profitto. Un ritiro prematuro degli aiuti metterebbe in pericolo la ripresa economica. È possibile ridurre i costi a breve termine di queste misure mirando maggiormente gli aiuti su settori, aziende e nuclei più vulnerabili, incentivando al tempo stesso le start-up e la creazione di posti di lavoro”.

image_pdfimage_print

Ultimi articoli