4shared
12.8 C
Napoli
giovedì, 27 Gennaio 2022

Linguaggio del cambiamento climatico: ecco com’è cambiato

Sempre più diffusi "catastrofe" e " urgenza" rispetto alla situazione climatica che va peggiorando: quali sono i termini utilizzati frequentemente?

Da non perdere

Il linguaggio del cambiamento climatico è cambiato nel tempo, secondo i dati raccolti dalla piattaforma di apprendimento linguistico Babbel e dal Media and Climate Change Observatory (MeCCO) dell’Università del Colorado a Boulder. In particolare, le parole e le frasi più frequentemente utilizzate dai media riflettono l’aggravarsi della crisi, portando termini più intensi come catastrofe ed emergenza nel lessico mainstream, rispetto alle scelte più sottili prevalenti all’inizio degli anni 2000.

Gli esperti di linguistica affermano che le scelte dei media, che sono state influenzate da scienziati e organizzazioni come l’ONU, sono importanti perché trasmettono al pubblico una minaccia sempre più urgente.

Il linguaggio del cambiamento climatico è cambiato ecco cosa dicono alcune ricerche

Babbel e MeCCO, un’iniziativa guidata da volontari che tiene traccia della terminologia climatica nella stampa e del suo impatto sull’opinione pubblica, hanno scansionato le notizie dal gennaio 2006 all’ottobre 2021 nelle principali pubblicazioni statunitensi, tra cui The New York Times, USA Today e The Wall Street Journal e hanno trovato alcune tendenze riconoscibili. In particolare, l’espressione “catastrofe climatica” è stata utilizzata 1,5 volte di più nel 2021 rispetto al 2020.

Hanno fatto lo stesso studio con pubblicazioni britanniche, tra cui The Guardian, The Times e The Sun, dove questa tendenza era ancora più evidente: l’hanno usata tre volte di più.

Un altro schema evidente è la scomparsa del “riscaldamento globale” e del “l’effetto serra“. Le pubblicazioni hanno utilizzato il “riscaldamento globale” 157 volte nell’ottobre 2021, rispetto a 378 volte al suo picco nel giugno 2008, un calo del 141%, nonostante un aumento dei rapporti sul clima.

L’ “effetto serra” ha raggiunto il picco nel 2008 e nel 2010, quindi è diminuito e non ha mai riguadagnato gli stessi livelli di utilizzo. Anche la frase un tempo prevalente “cambiamento climatico” è diminuita nell’uso del 133% in meno rispetto al suo picco nel gennaio 2008.

Le scelte verbali da parte della stampa in questo campo sono importanti perché influiscono sull’opinione pubblica, secondo  Todd Ehresmann, linguista senior di Babbel. “Le testate giornalistiche hanno il rigoroso dovere di rappresentare accuratamente il vero stato delle cose“, afferma. “Utilizzando frasi che riflettono l’urgenza della situazione, i media stanno trasmettendo l’importanza di affrontare questi problemi“.

Con l’escalation della situazione climatica, sono necessari quei termini più enfatici e urgenti come “emergenza” e “catastrofe“, così come “crisi climatica” e “crollo climatico“.

Allo stesso modo, Ehresmann afferma che il “riscaldamento globale” non è più abbastanza accurato. Poiché le temperature sono aumentate di 0,32 gradi Fahrenheit per decennio negli ultimi 40 anni, un termine più accurato è “urgenza climatica globale“.

Nel 2018, un importante scienziato del clima presso il Met Office del Regno Unito ha dichiarato che era il termine preferito e uno scienziato tedesco, fondatore dell’Istituto di Potsdam per la ricerca sull’impatto climatico, ha concordato: “Il riscaldamento globale non cattura la portata della distruzione. Parlare della Terra in serra è legittimo“.

Nel frattempo, effetto serra“, prevalente nei primi anni 2000 e negli anni successivi a An Inconvenient Truth, è un termine scientifico chiaramente definito nel linguaggio moderno, ma non ha un senso di urgenza o innesca una risposta emotiva.

image_pdfimage_print

Ultimi articoli