4shared
22.4 C
Napoli
mercoledì, 22 Settembre 2021

Lib(e)ro Scambio nel cuore di Napoli

Da non perdere

Claudia Camillo
Collaboratore XXI Secolo.

Ieri, 25 ottobre 2014, si è svolto a Piazza Dante, nel cuore di Napoli, l’ultimo appuntamento con il pulmino di Lib(e)ro Scambio.

Grazie a quest’iniziativa, promossa nell’ambito dei Piani Territoriali Giovani della Regione Campania, bambini e ragazzi hanno potuto incontrarsi e scambiarsi i libri di testo per l’anno scolastico che stanno frequentando.

Complice la crisi e il caro-libri, reperire i titoli che servono per la scuola è diventata sempre più un’impresa titanica. Ogni anno le scuole propongono un catalogo di titoli triti e ritriti che però, a differenza degli anni precedenti, presentano qualche pagina in più o un’immagine di copertina diversa e perciò meritano un prezzo più alto e devono essere riacquistati, generalmente richiesti espressamente dai professori. Tutto questo rende impossibile, o quasi, il mercato dell’usato, che rischia dopo poco tempo di proporre titoli obsoleti.

In tutto questo, chi è che va a perderci? Da un lato, le famiglie. Non tutte infatti hanno diritto ai cedolini per l’acquisto di libri e dunque devono rimetterci somme consistenti di tasca propria. Dall’altra, la cultura. Infatti se è vero che la cultura ha un suo peso e un suo prezzo, l’investimento dovrebbe valere la candela. Invece non è mai così.

Cambiando e ricambiando ogni anno libro di testo, anche il sapere è svalutato e perde d’importanza, diventando carta straccia. 

In poche parole, cosa si è inventato il Comune, grazie anche alla partecipazione di studenti dell’Università Federico II? Un “riciclo” divertente, pulito e semplice dei libri di testo, facendo guadagnare ai testi nuovo valore, dando più importanza a quello che i ragazzi impareranno sui banchi di scuola e allo stesso tempo permettendo alle famiglie di risparmiare.

 

 

image_pdfimage_print

Ultimi articoli