28 C
Napoli
venerdì, 12 Agosto 2022

Letta: “A destra pensavano di aver vinto, ora partita aperta”

Da non perdere

L’obiettivo e’ dare all’Italia un’alternativa rispetto alla vittoria della destra che veniva considerata ineluttabile”. Cosi’ il segretario del Pd, Enrico Letta, in un’intervista al ‘Corriere della Sera’, parla dell’intesa siglata ieri: “Calenda sapra’ fare da magnete per i voti di centrodestra.

Cosi’ come noi, con la nostra lista, assieme a Roberto Speranza, avremo un grande successo nell’elettorato di sinistra e di centrosinistra”. Nel pomeriggio di oggi Letta incontrera’ Fratoianni e Bonelli: “Li vedro’ subito, il loro ruolo lo considero fondamentale”. Per spiegare quanto e’ stato complesso l’accordo, Letta fa il paragone “con i tempi rapidi per il patto dell’altra alleanza.

Che hanno fatto in 48 ore: la chiamano intesa, ma e’ stata una resa. Quando Salvini ha deciso che non correva da premier, ma da ministro dell’Interno di Meloni, e’ finita li’: per arrendersi basta un minuto. Bandiera bianca di Salvini e Berlusconi”.

“Dalle reazioni di Meloni e Salvini – aggiunge – capisco che non se l’aspettavano. Scommettevano sul fallimento e sugli aspetti caratteriali, appunto: i commenti stizziti confermano che e’ stata la scelta giusta.

Siamo competitivi e mettiamo paura. Ne approfitto per suggerire al centrodestra di non spartirsi gia’ i ministeri: Salvini ha prenotato il Viminale, ma e’ meglio aspettare”. “Meloni e Salvini ci porterebbero con i sovranisti, fuori dal cuore dell’Europa. E’ questo che vogliamo? Meloni al posto di Draghi? Io dico che la partita e’ aperta e la giochiamo”, conclude.

(ANSA)

image_pdfimage_print

Ultimi articoli