4shared
18 C
Napoli
martedì, 19 Ottobre 2021

Leo Messi, tutti gli aggiornamenti sul futuro della Pulce

Da non perdere

Leo Messi ha sempre significato Barcellona, così come Barcellona ha sempre significato Leo Messi. Quant’è strano sapere che l’argentino non farà più parte del club blaugrana? Tanto, anzi troppo. Ma come ogni cosa c’è una fine e Messi ha deciso di terminare la sua permanenza in terra spagnola.

Il capitano (o meglio ex capitano) del Barcellona non si è presentato ai test medici e questo pomeriggio non ha nemmeno partecipato al primo allenamento con la squadra. Per cui, per chi avesse ancora qualche dubbio, il comportamento del 6 volte pallone d’oro è apparso inequivocabile, a conferma di quanto espresso nei giorni scorsi: “Io vado via da Barcellona”.

Mercoledì è previsto un incontro tra il padre di Messi e il Presidente del Barcellona Bartomeu, almeno per cercare di evitare lo scontro legale tra le parti. Messi già considera concluso il suo contratto con i blaugrana, ma secondo il club la famosa clausola che liberava la Pulce a zero sarebbe valsa fino a fine stagione, quindi fino allo scorso 10 giugno. Chiaramente per via del Covid-19, la stagione si è protratta fino ad agosto ed è proprio questa la ragione che fa valere il fuoriclasse argentino.

Al di là di questo aspetto non di poco conto, la domanda che accomuna tanti appassionati è: dove andrà Leo Messi? Difficile dare una risposta secca, ma il Manchester City è certamente in vantaggio su tutti, con Inter e Psg più defilate.

Secondo il quotidiano spagnolo Sport, sempre molto vicino alle vicende dei catalani, i Cityzens sarebbero pronti a pagare 500 milioni di ingaggio a Messi per i prossimi 5 anni. Nello specifico si tratterebbe di 50 milioni annui, più un mega bonus da 250 milioni. Un’opzione che lascerebbe tutti di stucco, se si considera che solo qualche mese fa gli inglesi furono penalizzati, rei di aver aggirato le norme del Fair Play Finanziario.

Inter e Psg restano sullo sfondo, ma le cifre di cui si parla probabilmente restano insostenibili sia per Suning che per Nasser Al-Khelaifi, considerando che quest’ultimo già può vantare in rosa una serie di fuoriclasse con ingaggi esorbitanti.

image_pdfimage_print

Ultimi articoli