lunedì 27 Maggio, 2024
23.6 C
Napoli

Articoli Recenti

spot_img

Led Zeppelin: il 12 gennaio 1969 debuttano con il loro primo album

Il 12 gennaio 1969 i Led Zeppelin, gruppo britannico, debuttano con il loro primo album, conosciuto come Led Zeppelin I.

L’album, spesso annoverato tra le pietre miliari della storia del rock, è stato inserito dalla rivista statunitense Rolling Stone alla 29ª posizione nella sua lista dei 500 migliori album.

L’album del gruppo è fortemente influenzato dal blues, soprattutto da Willie Dixon, del quale vengono riproposte You Shook Me e I Can’t Quit You Baby. I Led Zeppelin stravolgono i brani originali e portano avanti il progetto di blues psichedelico, iniziato già dai Cream.

Led Zeppelin I è un album che viene spesso indicato come uno dei dischi di fondamentale importanza per l’evoluzione del rock nel periodo tra gli anni sessanta e gli anni settanta.

Con questo disco Jimmy Page diventerà uno dei chitarristi più amati ed influenti della storia del rock, mentre il talento di John Paul Jones uscirà da quelli che sono i confini provinciali. Inoltre, il pubblico musicale, grazie all’album conoscerà quelli che all’epoca erano due perfetti sconosciuti: il cantante Robert Plant e il batterista John Bonham.

La copertina dell’album di certo non è passata inosservata, tanto da entrare a fare parte della storia del rock. Essa rappresenta un vero emblema delle grandi immagini rivisitate. Infatti, si tratta della rielaborazione di un fotogramma del disastro dello Zeppelin LZ 129 Hindenburg avvenuto il 6 maggio 1937.

Con tale simbolo il gruppo si presenta al mondo, creando subito un marchio forte e riconoscibile, ormai famoso in tutto il mondo, che si lega in modo indissolubile a quella che è la loro musica (il fuoco e le fiamme che animano il loro rock blues) e la loro immagine.

Certo non furono gli unici negli anni sessanta e settanta a scegliere dei simboli che li identificassero, possiamo dire che questa era una costante del periodo, basta pensare agli Yes con Roger Dean.

Ma la rappresentazione dello schianto dello Zeppelin Hindenburg sulla copertina dell’album e dunque l’associazione al gruppo britannico creò qualche problema. Infatti, la nipote del Conte von Zeppelin, la Contessa Eva von Zeppelin, minacciò di querelare il gruppo per uso illegale del nome di famiglia, durante una loro esibizione a Copenhagen nel 1970, dopo aver visto la copertina dell’album che agganciava il nome Zeppelin alla tragedia dell’Hindenburg.