25.4 C
Napoli
lunedì, 3 Ottobre 2022

Le parole del 2021: una società che cambia

Ecco le parole che più rappresentano l'anno appena trascorso: in Italia protagonisti i successi artistici e sportivi e l'inclusione sociale

Da non perdere

Anna Borriello
Scrivo per confrontarmi col mondo senza ipocrisie e per riflettere sul rapporto irriducibile che ci lega ad esso.

Quali sono le parole del 2021 che più rappresentano l’anno movimentato che è appena trascorso? La vittoria degli Azzurri agli Europei, il governo Draghi, la campagna vaccinale: il 2021 per gli italiani di certo è stato un anno ricco di eventi.

La lingua che, passo passo, segue il ritmo di una società in costante cambiamento, segna il ritmo del futuro. Per avere un’idea di quali siano le parole che hanno suscitato maggiore interesse nel 2021 si può fare riferimento alla barra di ricerca su Google, alla classifica stilata da Babbel o al Cambridge Dictionary. 

Oltre la pandemia, che resta protagonista cruciale del linguaggio anche quest’anno, si fanno strada in tutto il mondo la sensibilità ambientale e l’inclusione sociale. Spazio anche alla tecnologia con criptovalute, nft e blockchain. L’analisi del linguaggio è un vero e proprio viaggio nell’attualità dell’ultimo anno.

Le parole del 2021: pandemia, inclusività e tecnologia

Google Trends, per il 2021, ha elaborato due classifiche diverse, una dedicata esclusivamente alla pandemia e l’altra generica. Nella classifica dedicata all’emergenza sanitaria spunta in vetta la parola Green Pass. Il Green Pass non solo è stato oggetto di numerosi dibattiti ma è la parola più ricercata online del 2021.

Secondo il Cambridge Dictionary, invece, la parola dell’anno è Perseveranza. La definizione di questo termine è “sforzo continuo per evitare o ottenere qualcosa, anche quando è difficile o richiede molto tempo”. La parola è stata ricercata più di 234mila volta in tutto il mondo.

Facendo riferimento in particolare all’Italia, secondo Babbel, le parole più ricercate del 2021 sono Riscossa Azzurra e Inclusione.  

Mai come quest’anno l’Italia ha ottenuto molti successi in ambito sportivo e artistico. Il mondo dello spettacolo italiano ha portato a casa un Golden Globe con Laura Pausini per la miglior canzone originale e la vittoria dei Måneskin all’Eurovision e agli MTV Emas.

La squadra azzurra ha trionfato agli europei dopo 53 anni dall’ultimo titolo e il tennista, Matteo Berrettini, ha combattuto nel corso della prima finale di Wimbledon della storia italiana. Da non dimenticare le 400 medaglie alle olimpiadi di Tokyo con particolare menzione alla storica vittoria ai 100m di Marcell Jacobs.

La seconda parola, ‘inclusione’, sta a rappresentare il desiderio di una società equa e con pari diritti per tutti e un dibattito attivo nei confronti dell’accettazione sociale. Probabile che a causare il forte interesse nei confronti del tema sia stata anche la bocciatura, da parte del senato, del DDL Zan.

 

 

 

image_pdfimage_print

Ultimi articoli