Le due grandi scuole buddhiste: Hinayana e Mahayana

Mahayana_e_Hinayana_21secolo_vittoriodezio
Mahayana e Hinayana

Intorno al I secolo A.C. la scuola del Buddhismo Theravada, piccolo veicolo, che continua a prosperare ancora oggi, subì alcune divisioni interne. I membri di tale scuola sostenevano con fermezza le idee di una disciplina monastica, il conseguimento degli studi e la rigorosa adesione alle Scritture del Buddha, mentre altri vedevano ciò come inflessibile e difficile per chiunque. Il Buddhismo Mahayana, o scuola del grande veicolo, è seguito principalmente da monaci e monache e si trova principalmente in Cina, Giappone, Corea, Mongolia, Nepal, Russia, Tibet e Vietnam.

Quali sono le maggiori differenza tra il Buddhismo Theravada e Mahayana?

Il Buddhismo Theravada si concentrava principalmente sulla meditazione e sulla concentrazione, l’ottavo dell’Ottuplice Sentiero delle Quattro Nobili Verità: di conseguenza, si concentrava su una vita monastica e su un estremo dispendio di tempo nel meditare, lasciando così poco spazio alla maggior parte dell’umanità, così si creò un scisma: uno che tentava di riformulare gli insegnamenti del Buddha per accogliere un numero maggiore di persone, definendo il loro nuovo buddhismo, il “Grande Veicolo”, o Mahayana, dal momento che aggregava più persone e più credenti da tutti i ceti sociali. La storia dice che all’inizio le capacità dei seguaci del Buddha di comprendere ciò che aveva conseguito erano limitate, quindi i suoi insegnamenti dovevano concentrarsi sui concetti più importanti dell’illuminazione e del Nirvana.

Il Buddhismo Theravada abbracciava il concetto del Bodhisattva, o “colui che raggiunge l’illluminazione. I buddhisti  del theravada consideravano figura questa come una semplice guida o un modello per il viaggio dell’illuminazione individuale. Così ogni membro della tradizione Theravadana, che attraverso la rigida disciplina e la devozione alle Scritture divenne illuminato, aveva vissuto fino all’ideale del Bodhisattva. Ma il Bodhisattva era visto semplicemente come uno strumento di insegnamento, solo come una parte del percorso dell’individuo nel raggiungere il Nirvana.

Al contrario, Il Buddhismo Mahayana affermava che il Bodhisattva era preente non per la perfezione individuale, ma per salvare tutti gli esseri senzienti dalla sofferenza. I buddhisti Mahayana fanno voto di non entrare nel Nirvana. Invece il loro voto è di tornare al mondo della sofferenza dopo la loro morte e aiutare tutti gli altri a raggiungere prima il Nirvana. In poche parole,  assumono così il ruolo di buddhisti come protettori compassionevoli e salvatori.

Entrambe le scuole cosa hanno in comune?

Mentre le varie sette e seguaci degli insegnamenti del Buddha possono variare, i valori fondamentali stabiliti dal Buddha sono ancora condivisi da tutti i buddhisti. I loro metodi possono essere diversi. Lo scopo ultimo dell’illuminazione attraverso la disciplina, la meditazione, il vivere e la compassione per tutta la vita è un filo conduttore che attraversa profondamente tutto il pensiero e la tradizione buddhista. È corretto dire che il Buddhismo Mahayana è un’estensione o una continuazione del Buddismo Theravada, perché senza Theravada, non ci potrebbe essere Mahayana.

Il Buddhismo Theravada continuò ad essere molto presente nell’India meridionale e nel Ceylon (Sri Lanka) e si diffuse a sud ea est attraverso la penisola indo-cinese, mentre il buddismo Mahayana crebbe e si diffuse a nord e ad est. In aggiunta, il buddhismo Mahayana, a sua volta, si divise in altre scuuole. Nel corso del tempo, diverse scuole della filosofia buddista Mahayana si sono evolute, ma le principali oggi sono La terra pura e Zen , entrambe originariamente sviluppate in Cina. Una terza scuola, il gruppo Nirchiren, si è sviluppata in tempi più recenti e si basa sull’insegnamento del Buddha del Sutra del Loto bianco.

Print Friendly, PDF & Email

Laureato in laurea triennale in lingue inglese e giapponese. Attualmente studente di laurea specialistica in Storia e civiltà giapponese. Sono un folle amante della letteratura e dei libri. Amo le lingue, in particolare quella del Giappone.

more recommended stories