Le caratteristiche del nuovo acquisto Allan

Allan_Nappo_Salvatore_21_secolo
Allan

È finito il tormentone di mercato. Allan è arrivato a Dimaro per effettuare le visite mediche, così come annuncia la Società Sportiva Calcio Napoli sui vari profili social. La trattativa, che ormai andava avanti da un po’ di settimane, alla fine si è conclusa con esito positivo. All’Udinese vanno 12 milioni di euro, più due contropartite tecniche, ovvero Britos (a titolo definitivo) e Zapata (prestito biennale con l’opzione per il Napoli di poter far rientrare il calciatore già tra un anno). Si completa così il reparto di centrocampo, a meno di clamorose cessioni che però non sembrano prospettarsi. Ora il Napoli dovrà concentrarsi soprattutto sulla difesa, sia per sostituire il partente Britos, sia per migliorare la qualità del reparto.

Allan_Nappo_Salvatore_21_secolo
Profilo twitter del Napoli annuncia l’arrivo di Allan a Dimaro

CARATTERISTICHE TECNICO-TATTICHE DI ALLAN – Nato come centrocampista di contenimento, il 24enne Allan nel corso delle varie stagioni ad Udine (precisamente 116 presenze con i Friulani) ha messo in mostra anche una buona tecnica, difficile da trovare in calciatori predisposti soprattutto alla corsa e al recupero dei palloni.

Allan_Nappo_Salvatore_21_secolo
il nuovo acquisto del Napoli Allan

Può ricoprire tutt’e tre i ruoli del centrocampo del Napoli, ovvero davanti alla difesa e come interno di centrocampo (sia a destra che a sinistra). Un’evoluzione tattica che ha avuto modo di svilupparsi soprattutto in questo ultimo anno ad Udine, con Stramaccioni che lo ha praticamente sempre impiegato come interno nel suo 3-5-1-1. Ed Allan, ragazzo dalla voglia infinita di migliorarsi, ha risposto disputando forse la stagione migliore da quando gioca nel nostro campionato. Molto bravo nelle progressioni palla al piede soprattutto grazie alla sua forza fisica, riesce in questo modo a creare la superiorità numerica nella metà campo avversaria. Le sue ottime capacità di inserimento senza palla lo hanno portato quest’anno a trovare la via del goal per ben due volte. Se vogliamo trovare un difetto in questo calciatore dalla corsa infinita, è quello di non avere la capacità di dettare l’ultimo passaggio per i compagni. Manca di capacità nel verticalizzare e questo lo porta molto spesso a giocare palloni semplici, ma non per questo poco utili. Nello scacchiere di Maurizio Sarri quindi Allan sarà il motorino, il mastino. L’uomo che mancava al Napoli insomma.

UDINESE, FUCINA DI TALENTI – Con la cessione di Allan al Napoli, l’Udinese ottiene l’ennesima plusvalenza. Il tutto dettato da una precisa politica societaria, fatta di talent scout sparsi per tutto il mondo, di settore giovanile con strutture all’avanguardia. Potremmo stilare un elenco infinito di calciatori comprati giovanissimi dai Friulani, valorizzati e poi ceduti per cifre enormi. Lo stesso Napoli acquistò nel 2011 dall’Udinese Gokhan Inler per 18 milioni di euro. Il centrocampista venne comprato nel 2007 dall’Udinese per appena 2 milioni di euro dal Zurigo. Allan, arrivato ad Udine nel 2012 per 3 milioni di euro, ora viene ceduto per 12 più contropartite tecniche. Un vero capolavoro di mercato fu poi la cessione super di Sanchez al Barcellona per 39 milioni di euro, mentre l’Udinese l’aveva acquistato per appena 500 mila euro.

d'agostino_nappo_salvatore_21_secolo
Gaetano D’Agostino nel 2009 vicinissimo al Real Madrid

E come dimenticare la trattativa intorno al nome del centrocampista Gaetano D’Agostino, che nel 2009 venne accostato addirittura a Juventus e Real Madrid per cifre da capogiro (si parlava di richieste da parte del club Friulano intorno ai 25 milioni di euro). Ma sono molti altri i calciatori ceduti dai Pozzo, ottenendo plusvalenze tali da consentire al club Friulano la ristrutturazione dello stadio Friuli, che si appresta ad essere un vero gioiello.

Print Friendly
Condividi
Articolo precedenteA Pompei con Roberto Bolle and Friends
Prossimo articoloUnioni gay: Strasburgo condanna l’Italia
Salvatore Nappo
Studio Storia e sono istruttore di calcio qualificato CONI-FIGC. Credo che fare Giornalismo significhi fare due cose: ricerca e inchiesta. Ritengo il calcio l'arte che più si avvicina al senso della vita: nel calcio, come nella vita, puoi studiare mille situazioni di gioco ma alla fine il campo ti metterà di fronte alla 1001esima che non avevi previsto.

LASCIA UN COMMENTO