32.1 C
Napoli
venerdì, 27 Maggio 2022

Lavare le mani: quando e perché

Le regole per non sbagliare

Da non perdere

Una recente indagine della Royal Society for Public Health rivela che una persona su quattro non dà sufficiente importanza alla pulizia delle mani. Inoltre, il 23% delle 2 mila persone intervistate si è detto convinto che non far lavare le mani ai bambini contribuisca a rafforzare il loro sistema immunitario. Risulta invece vero il contrario: il 15-30% delle infezioni, sia virali che batteriche, potrebbe infatti essere evitato con la semplice igiene delle mani, le quali costituiscono un eccellente veicolo di trasmissione di malattie, poiché portate spesso a contatto con la bocca o con gli occhi.

Ecco, dunque, i casi in cui diviene assolutamente necessario lavare le mani:

  • prima di maneggiare cibo;
  • prima di medicare o toccare una propria o altrui ferita;
  • prima di applicare o rimuovere le lenti a contatto;
  • dopo aver portato fuori la spazzatura;
  • dopo aver cambiato un pannolino;
  • dopo essersi allenati in palestra;
  • dopo aver assistito familiari affetti da infezioni;
  • dopo aver curato/toccato un animale domestico;
  • dopo essere stati in bagno;
  • dopo aver starnutito, tossito o soffiato il naso;
  • dopo aver toccato terreno, piante, fiori;
  • dopo aver maneggiato strofinacci e spugne sporche (che andrebbero igienizzati dopo l’uso e cambiati spesso);
  • dopo aver soggiornato in luoghi molto affollati.

Secondo gli esperti, per lavare correttamente le mani è necessario tenerle sotto il getto dell’acqua per non meno di 20 secondi, sfregandole dopo averle insaponate bene per almeno 20 secondi.

Notevoli, infine, i benefici per la salute:

  • Ridurre al minimo la diffusione dell’influenza;
  • Previene le cause infettive di diarrea;
  • Ridurre le infezioni respiratorie;
  • Ridurre il tasso di mortalità infantile durante il parto in casa.
image_pdfimage_print

Ultimi articoli