Latitante arrestato per estorsione

Il latitante 36enne è stato individuato dal comando dei carabinieri ed arrestato alla periferia di Napoli.

Andrea Teano, 36enne ritenuto affiliato al clan Cimmino-Caiazzo, facente parte del quartiere napoletano del Vomero, era già riuscito ad eludere un blitz dello scorso 16 ottobre, dopo che il Dda ( Direzione Distrettuale Antimafia ) aveva emesso un provvedimento di fermo nei suoi confronti, riuscendo a far perdere le proprie tracce.

Il 36enne è stato individuato dagli investigatori dopo un periodo di pedinamento e catturato in un complesso abitativo a Pianura, quartiere periferico di Napoli, dai carabinieri del Comando provinciale e dell’aliquota di primo intervento del nucleo radiomobile, addestrata a compiere interventi ad altro rischio.

Anche il Nucleo cinofilo e un elicottero delle forze dell’ordine hanno preso parte alla cattura del latitante che, essendo stato messo alle strette, si è poi arreso.

L’uomo è stato quindi catturato e arrestato con l’accusa di tentata estorsione ai danni del proprietario di una onlus volta al trasporto dei malati.

Teano, infatti, insieme ad altri del gruppo criminale, aveva tentato, ripetutamente, di intimare al “pizzo” ed estorcere denaro al proprietario dell’associazione, anche sotto minaccia armata, una quota di ben 3 mila euro mensili.

Il gruppo criminale si era presentato, tra settembre e ottobre, per ben tre volte, alla vittima di estorsione.

La prima volta per indicargli la quota mensile da versare, la seconda volta si presentarono con lo scopo di insistere “sull’obbligo” del versamento da fare mentre alla terza visita del gruppo di Teano, la vittima scappò non appena li vide.

Tuttavia, nonostante i numerosi interventi attuati dalle forze dell’ordine per cercare di fermare il dilagante fenomeno del “pizzo” e con la nascita di numerose associazioni e iniziative che, a partire dagli anni 2000 sono andate sempre più a rafforzarsi in un movimento di lotta contro il racket, tale fenomeno continua imperterrito ad aleggiare sulla nostra società.

 

 

Print Friendly

LASCIA UN COMMENTO