Lanciano, arrestati tre rumeni

Lanciano, arrestati tre rumeni_21secolo_Arsenio Siani
carabinieri

Tre rumeni sono stati arrestati dai Carabinieri mentre tentavano la fuga verso la Romania a bordo dell’auto con cui è stato operato l’assalto alla villa di Lanciano e il crudele pestaggio ai danni del proprietario Carlo Martelli e di sua moglie. Addosso avevano circa 3400 euro, parte del bottino della rapina.

I tre, una volta identificati, hanno tentato la fuga, ma infine i carabinieri sono riusciti a fermarli. Nell’inseguimento è stata anche lievemente danneggiata l’auto. Un quarto uomo, anche lui membro della banda, sarebbe invece riuscito a scappare.

Ora è caccia al capobanda, “un italiano dal forte accento pugliese”, come hanno dichiarato le vittime della rapina. Proprio questo indizio avrebbe consentito di risalire alla banda ed identificarne i membri, per cui pare che il leader del gruppo abbia le ore contate.

Sicuramente un risultato importante per le forze dell’ordine, mentre ancora si cerca di far luce sulle dinamiche di azione della banda per capire se possano essere stati responsabili di ulteriori rapine nella zona abruzzese.

Le modalità di azione con cui hanno messo a segno il colpo fanno ritenere che i cinque siano responsabili almeno di un altro brutale colpo, messo a segno circa un anno fa, che sconvolse la zona per la particolare efferatezza dei metodi utilizzati. Alla vittima di turno fu addirittura tagliato un dito per intimarle di consegnare tutto il malloppo che possedeva. Una vicenda drammatica e inquietante che si spera sia giunta al capolinea, così da restituire serenità alle povere vittime innocenti.

 

 

Print Friendly, PDF & Email

more recommended stories