La vera ricetta dei Roccocò Napoletani

Roccocò_21secolo_Ivana_Leo
Roccocò

Mancano undici giorni al Natale, siamo nel pieno delle festività natalizie e sulle tavole partenopee non possono mancare i Roccocò. Essi rappresentano la degna conclusione dei cenoni napoletani e anche se nessuno dovesse mangiarli,non possono mancare sulle nostre tavole perché sono tradizione.

Per preparare degli ottimi Roccocò occorrono:

1kg di farina

800g di zucchero

800g di mandorle oppure noccioline

15-20 g di pisto (misto di spezie )

4 g di ammoniaca per dolci.

300ml di acqua

Cacao

Scorza d’arancia e di limone

Vanillina

Sale

2 uova per la spennellatura

Procedimento

Disporre su una spianatoia la farina a fontana. Aggiungere alla farina lo zucchero, la bustina di vanillina, la scorza d’arancia e di limone e infine il pisto. Il pisto è un mix di spezie tipicamente partenopeo a base di cannella, coriandolo, chiodi di garofano e noce moscata. Aggiungere l’ammoniaca per dolci.  Sciogliere il sale nei 300ml d’acqua ed aggiungere al composto. Infine, aggiungere il cacao per rendere più scuro l’impasto. Più cacao verra’ aggiunto,più scuro sarà l’impasto

Impastare bene il tutto in modo da ottenere un panetto e lasciar riposare.

Preparare una teglia rivestita di carta forno

Preriscaldare il forno a 180 g

Prendere nuovamente il panetto e realizzare con le mani tante piccole ciambelline. Riporre le ciambelline sulla teglia ed aggiungere tre mandorle oppure in alternativa granella di noccioline su ogni ciambellina. Spennellare con i tuorli delle due uova.  Si raccomanda di lasciare un po’ di spazio fra una ciambellina e l’altra.

Una volta completata la teglia infornare a 180 gradi nel forno preriscaldato per 20 minuti. Si consiglia di non lasciarli per ulteriore tempo in forno altrimenti diventano troppo duri.

Lasciar raffreddare e riporre su un vassoio da portata.

Il roccoco della tradizione partenopea è duro. Deve essere inzuppato nel vino, nel marsala o nello spumante. Devono “rompersi i denti” nel mangiarlo. Così vuole la tradizione. È tuttavia possibile realizzare roccocò più morbidi aggiungendo una maggiore quantità di acqua ed ammoniaca per dolci all’impasto sopra descritto.

Print Friendly

LASCIA UN COMMENTO