La tratta Napoli-Roma: Il viaggio del terrore

La denuncia di un numero sempre maggiore di pendolari

Il viaggio del terrore: la tratta dei treni regionali che partono da Napoli in direzione Roma.
Prendendo il treno in qualsiasi giorno della settimana durante qualsiasi ora della giornata è possibile notare una situazione non felice, non bella da vedere e da vivere.
Durante il viaggio è impensabile rilassarsi o dormire sogni tranquilli e godersi il tragitto; poiché i pendolari sono costretti a vivere esperienze di tutti i generi.
Stiamo parlando di situazioni riguardanti atti vandalici e o di altra natura, che incutono terrore ai passeggeri, costretti, involontariamente, ad essere talvolta spettatori, anche, di attività illecite.
Questi ultimi, muniti di biglietto, svolgono lo stesso tragitto con i pendolari abusivi, cioè privi di biglietto, mettendo in seria difficolta’ anche i controllori nell’esercizio delle loro funzioni.

I treni Regionali o Nazionali costituiscono un servizio che dovrebbe essere mantenuto, salvaguardato e garantito dagli addetti ai lavori, considerato che l’utenza necessita quotidianamente del predetto servizio.

Personale ridotto ed un relativo malcontento dello stesso genera un disappunto lavorativo-organizzativo; la mancanza di controlli efficaci e di un servizio di vigilanza sia a terra che sui treni danno adito a determinati individui di compiere atti illeciti comprimendo la libertà e serenità altrui.

Una situazione generale complicata che intacca più campi. Ci potrebbero essere soluzioni applicabili e restrittive così da ridurre le situazioni sgradevoli e garantire ai paganti del biglietto di godersi il proprio viaggio senza preoccupazioni.

Talvolta le soluzioni sono a portata di mano e non è necessario ragionare per “massimi sistemi” per risolvere problematiche che potrebbero essere dipanate anche con misure organizzative di immediata adozione, di facile applicabilità, efficaci ed economiche.

Print Friendly

LASCIA UN COMMENTO